Bimbo che vuole mangiare di notte

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 18/01/2021 Aggiornato il 18/01/2021

Per togliere l'abitudine di reclamare il pasto durante la notte, si può ricorrere al metodo dell'estinzione progressiva.

Una domanda di: Martina
Salve Dottore,
mio figlio ha 10 mesi, mangia regolarmente da quando aveva 6 mesi, fa cena
alle 19, rituale bagnetto e per le 20.30 circa dorme, intorno a mezzanotte o
al massimo l’una, si sveglia per fame e mangia un biberon di 200 ml di
latte artificiale, per riaddormentarsi immediatamente. Si risveglia qualche
volta durante la notte, ma rimettiamo il ciuccio e via, fino alle 5,30 o
6 quando vorrebbe rimangiare di nuovo, lo capiamo perché rimettendo il
ciuccio lo sputa e seguita a piangere e si mette seduto, insomma si sveglia per
bene, ho paura stia diventando un vizio quello di mangiare la notte e se non
altro è dura per noi perché lavoriamo, è una fase o devo cambiare qualcosa?
Grazie infinite.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
conviene provare a usare il metodo della estinzione progressiva, diluendo a poco a poco il latte del biberon con acqua in modo che il bambino beva ancora ma assuma meno calorie.
Nel contempo provate ad aumentare frutta e verdura alla cena o anche spostare di un’ora l’orario della cena. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti