Bimbo con coliche che non passano

Dottoressa Chiara Boscaro A cura di Dottoressa Chiara Boscaro Pubblicato il 07/03/2019 Aggiornato il 07/03/2019

Prima di intervenire sull'alimentazione del bambino è importante che il pediatra individui l'origine della presenza di disturbi intestinali che provocano disagio al bambino e interferiscono sul suo sonno notturno.

Una domanda di: Laura
Il mio bimbo di 5 mesi è mezzo quasi ha sempre avuto fin da subito forti coliche di notte e molti problemi a dormire… Per una settimana circa
questi problemi sembravano essersi sistemati un pochino, ma con l’inizio dello svezzamento si sono riprese peggio di prima, specialmente
i dolori di notte che, a me, personalmente sembrano ancora coliche… Può essere? Ed eventualmente che posso fare per aiutarlo? Già gli diamo tutte le
mattine i fermenti lattici e la sera il Milicon.

Chiara Boscaro
Chiara Boscaro

Gentile Signora,
La consiglio prima di tutto una visita dal pediatra per accertare che la diagnosi del disturbo sia proprio la colica gassosa, per escludere eventualmente altre problematiche come il reflusso gastroesofageo, l’accumulo di feci nell’ultimo tratto dell’intestino, eccessiva dinamica della peristalsi, disbiosi intestinale o allergie alimentari. Inoltre dovrei sapere quali alimenti sta assumendo il bambino che potrebbe non tollerare, come ad esempio un tipo di frutta frullata. Non mi dice inoltre se sta allattando al seno o sta utilizzando il latte artificiale. Nel caso suo figlio fosse allattato al seno può essere utile provare a seguire da parte sua per un breve periodo una dieta senza latticini, uova, frutta secca e pesce; non è invece dimostrato che i legumi e le crucifere possano causare gonfiore intestinale attraverso il latte. Se al contrario sta utilizzando il latte artificiale, può provare ad utilizzare latti più digeribili, contenenti poco lattosio e fibre prebiotiche, per circa 2 settimane. Anche tisane per neonati non zuccherate a base di camomilla e finocchio possono avere un effetto calmante. Tra i probiotici il più efficace in caso di coliche si è dimostrato essere il Lactobacillus Reuterii. In ogni caso ribadisco che è sempre meglio rivolgersi al pediatra di famiglia prima di intraprendere qualsiasi percorso dieteterapico. Cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti