Bimbo con CoVid-19 in ospedale

Professor Matteo Bassetti A cura di Professor Matteo Bassetti Pubblicato il 24/09/2020 Aggiornato il 24/09/2020

Ogni struttura ospedaliera adotta procedure proprie per il ricovero di un bambino con l'infezione da Coronavirus.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno dottore, avrei due domande. Se un bimbo dovesse essere ricoverato in ospedale a causa dell’infezione Covid-19, un genitore potrebbe stare con lui, anche se negativo?. Oppure il bimbo dovrebbe essere ricoverato da solo in isolamento per non rischiare di contagiare il genitore? E in caso il bimbo finisse in terapia intensiva il genitore potrebbe vederlo? O funziona come per gli adulti ricoverati che non possono vedere nessun parente fino alla guarigione o al decesso? Grazie.

Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Occorre valutare l’organizzazione dei singoli ospedali. In linea di principio se figlio positivo e mamma negativa sarebbe meglio evitare di metterli insieme nella stessa stanza. Per la rianimazione vale la stessa regola degli adulti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti