Bimbo con pene piccolo: c’è da preoccuparsi?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 29/09/2020 Aggiornato il 29/09/2020

Non si possono valutare la diemensione del pene prima dell'arrivo della pubertà, epoca in cui, su stimolo del testosterone, l'apparato genitale completa il suo sviluppo.

Una domanda di: Rita
Salve il mio bimbo a 9 anni e ha il pene piccolissimo. Quando aveva 3 anni siamo finiti al pronto soccorso perché si era chiuso, ma ora gli è rimasto
piccolo cosa posso fare?
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
a 9 anni è normale che un bimbo abbia il pene non ancora sviluppato, quindi di dimensioni modeste. Mi viene il dubbio però che suo figlio sia in
sovrappeso e che quindi abbia una plica di grasso nella zona che sovrasta il pube: in questo caso il pene può sembrare ancora più corto di quello che è
in realtà, per via di un inganno ottico. Se questa mia ipotesi fosse corretta le consiglio vivamente di confrontarsi con il pediatra per avere indicazioni su come controllare il sovrappeso del bambino. Se così non fosse, può invece stare tranquilla: il pene crescerà a suo tempo, su stimolo dell’ormone testosterone che comincerà a essere prodotto tra qualche anno. Per quanto riguarda la fimosi, cioè la chiusura del prepuzio sopra il glande (fenomeno fisiologico nei primi anni di vita), non ha alcuna relazione con
la dimensione del pene. Non c’è alcun rischio infatti che in sua presenza il pene si trovi intrappolato al punto da non poter crescere. Il mio suggerimento
è comunque quello di chiedere al suo pediatra di famiglia di visitare il bambino: sono certo che potrà rassicurarla come ho fatto io, con più
cognizione di causa in quanto sulla base di quanto avrà avuto modo di osservare “dal vivo”. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti