Bimbo di 10 anni con dilatazione del rene sinistro

A cura di Dottoressa Roberta Levi Pubblicato il 04/12/2023 Aggiornato il 04/12/2023

Spetta al nefrologo pediatra stabilire il da farsi in caso di idronefrosi, nonché stabilirne la gravità.

Una domanda di: Rita
Salve ho un bambino di 10 anni con dilatazione rene sinistro di 7 mm e l’altro di 3 anni con dilatazione di 4 mm che ne pensa? Grazie mille.
Roberta Levi
Roberta Levi

Cara signora,
per risponderle servirebbero delle informazioni in più su esami fatti e sulla clinica, io comunque posso dire che l’idronefrosi non è una patologia ereditaria ma è più frequente in bambini con familiari già affetti da questa malattia, penso a questo sentendo che entrambi i suoi figli ne sono affetti.
I parametri di solito presi in considerazione per valutarne la gravità sono la precocità della diagnosi (cioè se fatta già in epoca prenatale), l’entità della dilatazione e l’eventuale sofferenza del tessuto renale. In questi due casi le dilatazioni non sembrano preoccupanti ma va sentito il parere di uno specialista in nefrologia pediatrica per valutare o meno eventuali approfondimenti diagnostici. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti