Bimbo di 11 mesi che rifiuta il cucchiaino (e vuole mangiare dal biberon)

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 11/01/2023 Aggiornato il 11/01/2023

Ci sono dei piccoli trucchi che possono davvero aiutare nell'impresa (non proprio semplicissima) di convincere un bimbo ad abbandonare il biberon in favore delle posatine.

Una domanda di: Cristina
Il mio bimbo di 11 mesi sta ancora mangiando col biberon tranne gli omogeneizzati di frutta e gli yogurt. Ho provato a proporgli pastina col cucchiaino ma si rifiuta. È normale? Cosa posso fare? Grazie.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, alcuni bambini hanno poca dimestichezza all’uso del cucchiaino e alle pappe classiche, intendo dirle che il suo piccino non rappresneta una rara eccezione. Il sistema migliore per superare questa resistenza consiste nello stimolare la loro naturale curiosità nei confronti del nuovo, dei gusti insoliti, diversi tra loro. Per raggiungere questo obiettivo (che di norma risolve tutto) bisognerebbe lasciare che il bambino faccia da sé, allunghi le manine sui pezzetti di cibo da disporgli davanti (in piccoli pezzi, mi raccomndo!): si può trattare di broccoli bolliti, pennette al sugo (tanto per fare un esmepio), frutta come banana o mela. Questa strategia aiuta piano pano il bambino a provare piacere sia nel gesto di portare alla bocca pezzetti di cibo sia, soprattutto nella possibilità di assaggiare sapori ancora sconosciuti. Da qui al passaggio dal biberon al cucchiaino il passo può essere breve, ma si tratta di un “breve” che va sempre considerato in relazione ai tempi di un bambino, più lenti dei nostri in quanto più a loro misura. Occorre ciè armarsi di un pochino di pazienza, nella certezza che il bambino arriverà di sicuro a comprendere che mangiare dal piatto con il cucchiaio (e più avanti con la forchettina) o anche portando il cibo alla bocca con le mani è molto più soddisfacente rispetto a quanto lo sia inghiottire una pappa dal biberon. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti