Bimbo di 15 mesi che non dice neppure una parola

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 13/05/2022 Aggiornato il 13/05/2022

Non c'è da reoccuparsi se a 15 mesi il bambino ancora non parla: quello che conta è che dimostri di comprendere quello che gli si dice.

Una domanda di: Immacolata
Mio figlio di 15 mesi non pronuncia ancora nessuna parola, da quando è nato abbiamo avuto difficoltà nella crescita per quanto riguarda il peso ….ad oggi pesa 9 kg , abbiamo fatto le analisi di routine più celiachia, intolleranza al lattosio, feci , pipì e praticamente non è uscito nulla. Preciso che il bimbo essendo nato nel periodo CoVid è stato praticamente solo con me , il papà e il fratellino. Non è uscito per molto tempo, forse sarà da febbraio, dopo l’anno di vita, che abbiamo iniziata un po’ di vita! Quello che mi preoccupa che si lamenta e cerca solo me, quando c’è il fratellino gioca, lo cerca , ma non sempre risponde al richiamo del suo nome, e mi preoccupo che ci sia qualche problema di autismo , dato che ho un bimbo di 4 anni che è un vero vulcano di energia! Se vede i cartoni ride con essi, il mattino quando si sveglia tende le mani per essere preso e mi guarda negli occhi ma capita anche volte che in un momento di gioco o di altro non lo fa ! Saprebbe darmi qualche direttiva: ho posto già la mia preoccupazione al mio pediatra e secondo lui non lo è. Lei sarebbe così gentile da darmi delle direttive, non le nascondo che sono un po’ preoccupata ! Grazie infinte e le auguro buon pomeriggio.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora, il fatto che a 15 mesi non pronunci ancora nessuna parola non mi sembra così preoccupante, soprattutto perché mi sembra di capire che il bambino interagisca con voi e comprenda quello che gli si dice. Questo conta molto, così come può essere importante che risponda a semplici inviti: prendi la palla, vieni qui, siediti, portami il libro. Credo possa essere utile che lei lo porti il più spesso possibile al parco dove possa vedere altri bambini così come potrebbe giovargli trascorrere qualche ora in una ludoteca. Per favorire l’uso del linguaggio c’è solo un modo: leggere piccole storie e non stancarsi mai di parlargli, sottolineando a voce alta quello che si sta facendo: “vedi? La mamma ti dà l’acqua”, “adesso mettiamo il pigiamino”, “è ora di cambiarti”, “laviamo le manine” e così via. Per quanto riguarda il peso, ha un valore relativo se lo sviluppo non si arresta, ma prosegue a un ritmo regolare, anche se modesto. Se il pediatra curante non ravvede problemi né fisici né di ordine psichico gli può credere, visto oltretutto che dalle numerose indagini effettuate non è emerso nulla. Un’ultima cosa: non effettui troppi paragoni tra i suoi due figli, perché ogni bambino ha il proprio “giusto momento” per raggiungere i vari traguardi disseminati lungo il cammino della crescita. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti