Bimbo di 18 mesi che cerca ancora il seno di notte

Dottor Pietro Falco A cura di Dottor Pietro Falco Pubblicato il 08/10/2018 Aggiornato il 08/10/2018

La poppata notturna a 18 mesi di vita non riveste più alcuna utilità, quindi è opportuno non concederla.

Una domanda di: Enxhi
Sono una mamma di un bimbo un anno e mezzo . Volevo smettere di allattare perché lui si sveglia spesso durante la notte. Lui è stato un bimbo che dormiva poco durante la notte, adesso si sveglia spesso anche se gli do l’acqua Se non lo metto al seno non dorme. Non saprei cosa fare. Cosa mi consigliate? Cordiali saluti.
Pietro Falco
Pietro Falco

Gentile Signora, all’età di 1 anno e mezzo va sospesa la poppata notturna, non più necessaria né utile, quasi nociva.
Dopo l’anno il latte può continuare a rappresentare solo il pasto della colazione e può anche essere non più latte materno bensì latte artificiale cosiddetto di crescita. Il bambino deve cominciare a prenderlo in tazza con il cucchiaino di silicone. Con il latte può assumere fette biscottate o biscotti secchi poco calorici entrambi ben imbevuti, quindi morbidissimi (quasi in poltiglia).
Per raggiungere questo scopo bisogna avere pazienza e nello stesso tempo fermezza, vale a dire che quando suo figlio si sveglia di notte non bisogna assecondarlo e dunque non bisogna dargli il latte. Ovviamente va però consolato, con carezze, coccole e vicinanza, senza tuttavia cedere alla sua richiesta. Nell’arco di due-tre notti al massimo suo figlio capirà che le regole sono cambiate e non chiederà più il seno. Provi, inoltre, a ridurre il tempo del riposino pomeridiano così si abituerà a dormire di più durante la notte. Tenga presente che i figli di crescono e si educano con i “sì” ma ancora di più con i “no” che insegnano a tollerare le frustrazioni (ovvero a sviluppare resilienza!) e soprattutto evitano, come in questo caso, che il bambino acquisisca abitudini sbagliate che, come tali, possono avere conseguenze dannose. Mi tenga aggiornato, con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti