Bimbo di 2 anni che si rifiuta di fare la pipì

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 27/03/2023 Aggiornato il 27/03/2023

Se il bambino inizia a trattenere la pipì per troppo tempo può essere opportuno, quando è il momento, rimettergli il pannolino affinché si senta libero di farla.

Una domanda di: Guida
Le scrivo per sapere come comportarmi: ho un bimbo di 2 anni e 4 mesi che ha tolto il pannolino per sua volontà a 18 mesi. Mai sgridato a fronte di qualche “incidente”. Beve regolarmente e sufficientemente, è sempre andato in bagno in modo regolare. Sono 10 giorni che devo arrivare alla minaccia di portarlo dal dottore se non fa la pipì. E solo con in questo modo, dopo urla e pianti, si riesce a fargli fare la pipì. Ecco io vorrei sapere cosa sta succedendo. Cordiali saluti.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, cercherei di evitare le minacce per far fare la pipì al bambino, perché risultano più controproducenti che utili allo scopo. Deve tenere presente che lungo il cammino della crescita, specialmente all’età del suo bambino, ci sono a volte momenti di regressione nei comportamenti infantili, come quello di non voler più controllare la minzione e in genere se ne deve andare a cercare il motivo. Una precisazione: se il piccolo ha cominciato a fare pipì addosso la notte, conviene eseguire un esame delle urine per controllare il glucosio, ma anche i globuli bianchi e i nitriti. Una volta esclusi disturbi organici, bisogna capire la ragione di questa regressione importante, indagando sugli aspetti ambientali e psicologici. In altre parole, si deve capire se in casa (o al nido, se lo frequenta) ci sono condizioni che causano in questo bambino un malessere emotivo. Se indivuduate si deve intervenire per risolverle. In ogni caso, che si identifichino o no, è fondamentale non drammatizzare ed eventualmente rimettere pannolino al momento del bisogno per capire se con questa strategia il bambino si sente protetto e può urinare senza ansia né ribellione. Se così funzionasse, vedrete che, passato questo periodo, poi tutto tornerà come prima. Del resto, è abbastanza insolito che a 18 mesi un bambino rinunci di propria volontà al pannolino, soprattutto per la cacca, visto che in genere bisogna aspettare almeno i 24 mesi per cominciare a proporre questa tappa che, comunque, richiede sempre un po’ di aiuto e pazienza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti