Bimbo di 21 mesi che si ribella ai “no”: c’è da preoccuparsi?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 10/06/2022 Aggiornato il 10/06/2022

I bambini piccoli non possedendo ancora la padronanza delle parole non possono che esprimere la loro contrarietà ricorrendo al linguaggio del corpo, che non di rado è fatto di gesti forti.

Una domanda di: Denis
Sono il padre di Manuel che ha un anno e 9 mesi. A noi ci spaventa un cosa: non capiamo perché il bimbo sbatte la testa nel momento in cui gli impedisci qualcosa o gli pronunci la parola “NO!”. Il bimbo non parla ancora. Grazie mille per la risposta.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile papà, l’atteggiament del suo bambino è l’unico modo di cui lui dispone per esprimere contrarietà. I “no” e gli impedimenti lo fanno arrabbiare e lui non padroneggiando ancora il linguaggio delle parole ve lo comunica con questi gesti che sono chiaramente di stizza. Quando succede, provate ad abbracciarlo con dolce fermezza (per impedirgli di sbattere la testa) dicendogli: “So che sei arrabbiato, ma questa cosa purtroppo non si può fare”, quindi aspettate con pazienza che si tranquillizzi. Lei scrive che “non parla ancora”, ma cosa significa esattamente? Non dice neppure “mamma”, “papà”, “pappa”, “acqua” oppure lei intende dire che non costruisce frasi complete? La differenza tra le due possibilità è grande … Le chiedo anche: obbedisce a piccoli ordini? Interagisce quando si gioca con lui? Segue anche se per poco la lettura di una storia e/o guarda per un pochino le figure? Con chi trascorre la giornata: va al nido o sta con la mamma, la nonna, il papà o la tata? Senza queste informazioni non posso aggiungere molto di più. Tuttavia, se voi genitori avete l’impressione che ci sia qualcosa che non va, parlatene con il vostro pediatra che è il referente giusto per stabilire se è giustificata o no la vostra preoccupazione. Se lo desidera mi scriva pure di nuovo con più notizie (rispondendo cioè alle poche domande che ho posto qui sopra). Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti