Bimbo di 3 anni che non vuole più mangiare la carne

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 10/11/2022 Aggiornato il 10/11/2022

La carne non è un alimento essenziale, quindi se viene sostituita con altre proteine sia di origine vegetale come i legumi, sia di provenienza animale come le uova e il pesce può mancare nell'alimentazione del bambino per tutto il tempo in cui lui la rifiuta.

Una domanda di: Mamma Chiara
Vi scrivo perché ho un problema col mio bimbo di 3 anni. È da qualche mese a questa parte che non ne vuole sapere di mangiare carne, quando proviamo a farla mangiare dice che gli si chiude la gola. Abbiamo provato a fargliela masticare di meno, in quanto a volte la tiene veramente troppo e poi la sputa, ma niente da fare. Quale consiglio in questo caso? Grazie mille.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, premetto che mangiare carne non è fondamentale, specie se il rifiuto si protrae per un determinato periodo. Normalmente le alternative alla carne come fabbisogno proteico arrivano dai formaggi, dalle uova, dal pesce. Se poi si considera il ferro contenuto nella carne, si può ricorrere al tuorlo d’uovo e ai legumi o anche ad affettati, compresa la bresaola, che forse il suo bambino potrebbe assumere essendo diversa dalla classica bistecca o pezzo di carne arrosto o bollita. Un’altra possibilità è proporre piatti con carne, ma per così dire “mascherata”, tipo polpette al forno, oppure hamburger o simili. Ancora la carne potrebbe essere contenuta in tortelli o nel ragù con cui si condisce la pasta: di solito anche i più restii ad assaggiare la carne accettano di buon grado simili alternative. Insomma, o ricorre ai trucchi rappresnetati dai piatti alternativi, dove la carne è abbastanza occultata, oppure lasci perdere, non insista almeno per qualche settimana, sostituendo la carne con altre fonti proteiche come appunto latte, formaggio,, pesce e uova. Tenga presente che è sempre consigliabile assecondare il rifiuto per un determinato alimento perché insistendo troppo si rischia di trasformare un passeggero cambiamento di gusti in un’avversione eterna. Stia tranquilla, rispettando la volontà del suo bambino di non assumere carne non gli accadrà nulla di pericoloso per la crescita. Ed è questo il mezzo migliore per fargli fare la pace con questo alimento. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti