Bimbo di 31 mesi minuto e di statura modesta

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 14/10/2022 Aggiornato il 14/10/2022

Da due genitori di bassa statura e di peso modesto non possono che nascere bimbi minuti, per loro destino genetico.

Una domanda di: Alessia
Mio figlio 31 mesi altezza 92 cm e peso 12 kg. Mangia ancora 250 grammi di latte mattina, pomeriggio e sera. Va già all’asilo quindi merenda e pranzo li consuma li mangiando normalmente come dovuto con cibi soldi. Mentre a merenda quando torna chiede le merendine al latte e ne mangia 2 più un biberon di latte semplice dopo un’oretta circa mentre per cena chiede ancora pastina ne mangia circa 60 grammi con un barattolo grande 120 grammi di omogeneizzato e avvolte appena finisce la pastina mangia un altro barattolo di omogeneizzato e prima della nanna un biberon pieno di latte. Ora volevo capire perché nonostante mio figlio mangi così tanto non riesca ad assimilare il tutto e sia piccolino ho già fatto esami specifici e non è malassorbimento. Il bambino alla nascita pesava 2.165 grammi Nel primo anno di vita e arrivato al peso di 9.500 grammi. Lo svezzamento e avvenuto a 4 mesi. Eh a preso il restante peso fino a questo attuale. Io sono alta 1.50 e peso 45 kg, mio marito è alto 1.65 e pesa 55 kg. Non abbiamo particolari malattie in famiglia. Esami del sangue celiachia, intolleranze alimentari, allergie, indagine al sudore e un esame legato al malassorbimento che adesso non ricordo. La pediatra mi ripete che il bambino lo trova bene e la curva di crescita e nella norma. Anzi mi “rimprovera” che l’alimentazione è abbondante.
Gianni Bona
Gianni Bona

Cara signora, suo figlio è minuto per suo destino genetico. Penso lei sappia che da due genitori di bassa statura e di peso modesto non può nascere un bimbo con caratteristiche diverse. Non mi è chiaro che cosa voglia sapere esattamente, visto che la pediatra che conosce bene il bambino perché ha modo di visitarlo “in presenza” dice che va tutto bene e che è tutto nella norma, anche grazie a esami specifici. Va sottolineato che questo bambino è nato con un peso inferiore di più di un chilo rispetto a quello della media dei neonati maschi, quindi è ovvio che per quanto riguarda la crescita ponderale sia un pochino rimasto indietro. L’unico problema che osservo (e che non c’entra con la salute del bambino che, abbiamo appurato, non gli manca) è la quantità di cibo che introduce nell’arco della giornata. Suo figlio mangia troppo, a partire dal latte che a quest’età non dovrebbe essere assunto in quantità superiori ai 500 ml al giorno. Il rischio è di forzare il suo obiettivo di crescita, stabilito dalla genetica, favorendo la comparsa nel tempo della temibile obesità infantile. Direi dunque di cominciare a ridurre le quantità di cibo giornaliero, anche con piccoli trucchi come può essere quello di allungare il latte con acqua. Limiterei al massimo gli zuccheri semplici, abolendo eventualmente i succhi di frutta, appunto zuccherati. Il mio consiglio è quello di fidarsi della sua pediatra, che afferma cose giuste e sta seguendo il suo bambino nel migliore dei modi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti