Bimbo di 5 anni che a volte vomita il latte

Professoressa Annamaria Staiano A cura di Professoressa Annamaria Staiano Pubblicato il 10/01/2024 Aggiornato il 10/01/2024

Il latte non è certo tra gli alimenti più digeribili quindi, visto che non è indispensabile, se provoca disturbi gastrointestinali o anche solo non viene accettato di buon grado si può tranquillamente smettere di proporlo al bambino. Fortuna vuole che le alternative per soddisfare il fabbisogno di calcio ci siano.

Una domanda di: Smeralda
Salve, mio figlio ha 5 anni e capita a volte, tipo ogni 3 o 6 mesi, di vomitare una volta dopo aver bevuto il latte. Ho già provato con lo scremato cambiando marche ma succede lo stesso: a cosa può essere dovuto? Grazie.
Annamaria Staiano
Annamaria Staiano

Cara signora, posto che un episodio di vomito ogni 3-6 mesi non è particolarmente significativo, possiamo pensare che il suo bambino di tanto in tanto abbia difficoltà a digerire il latte, come del resto accade a moltissimi bambini e anche a tanti adulti. Il latte non è, infatti, un alimento molto digeribile, in più, specialmente se intero, può determinare reazioni poco piacevoli a livello intestinale. Del resto, la lattasi, che è l’enzima che favorisce la digestione del latte, è molto efficiente solo nel primo anno di vita (non a caso è solo da 0 a 12 mesi di vita che il bambino è definito “lattante”). Lei non dice se il bambino assume il latte volentieri o no, se dovete insistere o non per farglielo bere. Se è così, se fa un po’ di resistenza quando glielo offrite, direi di non proporglielo più, se non occasionalmente, offrendogli magari, in sostituzione, lo yogurt. Tenga presente che per coprire il fabbisogno di calcio di un bambino yogurt e formaggi (da proporre sempre in piccole quantità e non tutti i giorni) sono sufficienti. I formaggi vanno sempre associati alle verdure. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti