Bimbo di 5 anni con intolleranza al lattosio: sarà così per sempre?

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 20/03/2024 Aggiornato il 20/03/2024

Ci sono anomalie genetiche lievi, che non causano una vera e propria intollenza al lattosio, ma semplicemente la favoriscono, ovviamente per tutta la vita.

Una domanda di: Lucia
Chiedo gentilmente informazioni in merito al test di intolleranza al lattosio di mio figlio 5 anni. È risultato positivo al gene MCM6 genotipo CC.
Vorrei sapere se la avrà per sempre.
Grazie.

Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile signora,
nel 90% dei casi, l’intolleranza al lattosio è causata/favorita nella popolazione europea da una variazione del DNA definita polimorfismo C/T in posizione 13910 nel gene MCM6 a monte del gene che codifica per la lattasi (LCT).
Il test che è stato eseguito al suo bambino si basa sull’analisi di un polimorfismo, cioè sulla presenza/assenza di una determinata configurazione del gene MCM6 alla quale è stata attribuita l’associazione con l’intolleranza al Lattosio. Lo schema delle diverse combinazioni e di conseguenza del genotipo, cioè la base genetica è il seguente:
– genotipo T/T -13910 con entrambe le copie del gene funzionanti (fenotipo, cioè risultato clinico non intolleranti)
– genotipo C/T -13910 con una copia del gene funzionante (fenotipo non intolleranti)
– genotipo C/C -13910 con entrambe le copie del gene non funzionanti (fenotipo intollerante al lattosio).
Come lei certamente sa, le caratteristiche genetiche (polimorfismi o vere e proprie mutazioni) vengono ereditate dai propri genitori al concepimento e restano nel proprio DNA per tutta la vita. Bisogna precisare che il polimorfismo CC non è una mutazione e quindi non è causa vera e propria dell’intolleranza ma solo un fattore favorente. Per questo i sintomi delle persone che lo possiedono sono molto meno importanti e si possono modificare nel tempo rispetto alla forma congenita che è molto rara e grave. Infatti il deficit congenito totale di lattasi, causata da mutazioni bloccanti del gene, si manifesta sin dalla nascita quando il neonato sviluppa subito diarrea e vomito non appena nutrito con latte materno o formulato. Pertanto il test che è stato eseguito al bambino ha valore orientativo, non deve condizionare eccessivamente anche se non potrà certo modificarsi. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti