Bimbo di 7 mesi che rifiuta il latte (artificiale): insistere o no?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 05/02/2024 Aggiornato il 07/02/2024

Non c'è alcun bisogno di insistere affinché il bambino assuma controvoglia il latte artificiale, visto che le alternative a questo alimento esistono e sono in grado di coprire in maniera soddisfacente il fabbisogno di calcio.

Una domanda di: Dada
Salve dottore, mio figlio di 7 mesi non beve latte in nessun modo. Ho letto che posso integrare con lo yogurt ad un pasto. Quale tipo di yogurt? Potrei sostituirlo al brodo vegetale o acqua quando cucino pastina o pappe? Se sì in che modo? Mi sa dare qualche ricetta? Sono giorni che non beve latte, lo forzo ma ottengo l’effetto contrario, piange e per lo sfinimento del pianto crolla e si addormenta. E mi si spezza il cuore sia per questo sia perché ha fame.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara signora, l’indicazione all’autosvezzamento è nata per dare un senso a un principio noto da anni e anni in ambito pediatrico ma non semplice da trasmettere come messaggio ai genitori: è buona cosa permettere ai bambini di scegliere liberamente che cosa mangiare, perché “sanno” istintivamente cosa è meglio per la loro crescita. Immagino che lei non lo allatti al seno e che quindi il suo rifiuto sia verso il latte artificiale, dico bene? Di conseguenza, visto che l’importante è coprire il fabbisogno di calcio, gli yogurt vanno benissimo come sostituti del latte (non nella pappa, ma a merenda o a colazione!). Sono da preferire quelli interi, naturali, senza aggiunte di zuccheri, a cui può mescolare qualche cucchiaiata di mela grattugiata o di banana schiacciata. Sono ottimi sostituti del latte anche la ricotta e i formaggi, tipo quartirolo, entrambi perfetti nei primi mesi successivi all’inizio dello svezzamento, anche escolati nella pappa. E i latticini vanno sempre associate alle verdure, raccomandazione peraltro superflua visto che le pappe sono preparate con gli ortaggi. Insistere per farlo piangere fino allo sfinimento (come lei riferisce) per obbligarlo a bere il latte non solo è inutile (visto che non riesce a convincerlo) ma può anche scatenare un’avversione eterna per questo alimento, che comunque non è affatto indispensabile viste le tante alternative. Tenga presente che sia nell’infanzia sia, soprattutto, nell’età adulta è abbastanza frequente l’intolleranza al latte vaccino, che si esprime con nausea, disturbi intestinali, malessere generale dopo averlo assunto. Del resto il latte è l’alimento principale nel primo anno di vita (non a caso i bambini da 0 a 12 mesi vengono chiamati lattanti) ma già a partire dallo svezzamento può essere gradualmente sostituito con alternative. Sto parlando ovviamente del latte artificiale, che è latte vaccino anche se formulato, diversa è la questione rispetto al latte materno che è l’alimento di prima scelta, non crea intolleranze e in genere è gradito ben dopo l’anno di vita. Non sia così angosciata dunque, se il bambino ha fame gli offra del cibo che gradisce e stia sicura che crescerà comunque sano e forte anche senza latte. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti