Bimbo di 9 mesi che si sveglia spesso di notte: che fare?

Dottor Stefano Geraci A cura di Dottor Stefano Geraci Pubblicato il 07/11/2020 Aggiornato il 07/11/2020

Non è opportuno offrire immediatamente il latte, quando il bambino si sveglia di notte. Prima è meglio tentare di consolarlo (e farlo riaddormentare) con le coccole.

Una domanda di: Antonella
Salve Dottore, Le scrivo perché mio figlio, di ormai 9 mesi, svezzato del tutto, in questo ultimo mese sta avendo difficoltà nel dormire, soprattutto
di notte. Dopo il rituale serale della nanna, verso le 22:00 prende l’ultimo biberon (240 ml più 3 biscotti). Si addormenta abbastanza facilmente ma dopo 40 minuti
circa, si risveglia in cerca di altro latte. Sto cercando di tamponare da due giorni offrendogli dell acqua per fargli comprendere il senso della
notte, niente da fare. Si riaddormenta con difficoltà e, da quel momento, si risveglia ogni due ore, circa, con movimenti repentini e, a volte, anche
molto sudato. Di pomeriggio ha la stessa difficoltà e non dorme mai più di 40 minuti. Ci tengo a precisare che non dorme nella culla, bensì nel lettone con
me e mio marito. Grazie, resto in attesa di un suo riscontro e le porgo i miei cordiali saluti.
Stefano Geraci
Stefano Geraci

Gentile signora,
innanzitutto bisognerebbe capire se questi risvegli notturni rappresentano un cambiamento rispetto a prima o se il suo bambino ha sempre reclamato la poppata notturna. Non sono comunque così sicuro che lui si svegli perché ha fame, anzi, potrebbe anche essere che si svegli dopo 40 minuti dall’addormentamento perché la digestione lo infastidisce. Questo vale ovviamente se a cena mangia a sufficienza. In questa eventualità un biberon di 240 ml di latte a poche ore dalla pappa serale potrebbe essere responsabile del risveglio. Ho pensato anche al reflusso ma di questo non mi accenna. Mi parla di movimenti repentini ma non specifica quali: scalcia? Distende e irrigidisce le gambine? Un altro dato importante è rappresentato da come cresce e dall’umore che ha di giorno. Si possono escludere problemi significativi se la crescita non sta subendo arresti e se il bambino è vivace, allegro, reattivo. In generale, non è una buona idea somministrare il latte immediatamente dopo un risveglio notturno. Meglio prima cercare di consolare il bambino in altro modo, per esempio, cullandolo e parlandogli dolcemente. Se non dovesse funzionare, in alternativa al latte è corretto (come sta facendo) offrirgli dell’acqua, in quantità minime, comunque, non più di 10-20 ml. Questo metodo gradualmente insegna al bambino che la notte non è fatta per mangiare, ma per dormire, tuttavia deve armarsi di pazienza: due giorni sono veramente pochi per sperare in un risultato. Direi di insistere su questa strada. Per quanto riguarda dormire nel lettone, è una consuetudine che a poco a poco può essere opportuno eliminare, cercando di abituare il bambino a dormire nel suo lettino, che può essere posto accanto al lettone. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti