Bimbo di 9 mesi che vuole solo il latte della mamma

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 28/02/2022 Aggiornato il 28/02/2022

Ci sono semplici trucchi che possono invogliare il bambino ad assaggiare i primi alimenti diversi dal latte.

Una domanda di: Tiziana
Vorrei un consiglio in merito allo svezzamento del mio piccolo.
Abbiamo iniziato lo svezzamento ai 6 mesi compiuti, oggi a 9 mesi la
situazione è sempre più tragica, nel senso che il mio bambino non ha alcun
interesse ad assaggiare niente. Lui è stato e continua tutt’ora ad essere
allattato esclusivamente al seno, rifiuta
latte artificiale di ogni genere e qualsiasi alimento. Attualmente il suo
peso è 8.690 kg. Cosa posso fare? Il peso va bene? Grazie in anticipo.

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Il suo bambino ha un peso ancora nella normalità: è nella fascia del 25-50 percentile, significa che è appena sotto la media dei bambini. Quello però che conta è capire se negli ultimi mesi il ritmo di crescita è diminuito rispetto a prima e se è accaduto questo, se è stata una diminuzione progressiva o improvvisa. In altre parole, da quello che descrive, sembrerebbe che il bambino sia vivace, allegro, stia sviluppando tutto il suo potenziale neuro-evolutivo in modo corretto. Quindi, se tutto il resto è normale e si evidenzia solo questo rifiuto del cibo solido, conviene coinvolgerlo negli assaggi, nel fargli portare alla bocca in modo spontaneo pezzetti di cibo come farebbe con un giochino o un peluche. In altre parole, deve permettergli di mangiare da solo, con le mani. Certo, usi cibi che riesce ad afferrare e a tenere in mano, come una mezza banana oppure un broccolo cotto a vapore, o anche un biscottino della linea baby food, il tutto di una dimensione che sia agevole introdurre in bocca. In questo modo il bambino tocca, assaggia, prova a masticare con le gengive. Poi faccia questi tentativi a tavola, al momento dei vostri pasti, con il piccolo seduto sul seggiolone da dove vedere da dove prendere i pezzetti di cibo mentre osserva voi adulti che fate la stessa cosa. Forse in questo modo la voglia di passare a cibi solidi arriverà! Comunque ne parli col suo pediatra anche per la valutazione e della crescita, come le ho detto all’inizio di questa risposta. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti