Bimbo di quasi tre anni che “si disorienta” in spiaggia: c’è da preoccuparsi?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 01/07/2021 Aggiornato il 01/07/2021

E' normale che un piccolino non sappia orientarsi con sicurezza in una spiaggia, dove peraltro è difficile anche per un adulto individuare rapidamente dei punti di riferimento.

Una domanda di: Paola
Vi sottopongo un dubbio che sto cercando di dissipare.
Ho un bimbo di quasi 3 anni che spesso si disorienta.
L’ho notato soprattutto in spiaggia.
È un bimbo che ha necessità di muoversi e di allontanarsi, correre e quant’altro.
Credo che abbia un’indole molto indipendente.
Vuole fare tutto da solo e ha un linguaggio credo consono per la sua età.
Il dubbio sta sul suo orientamento spaziale e sul fatto che ogni tanto in
spiaggia mangiucchia la sabbia.
Nonostante i miei rimproveri e magari inizialmente se ne rende conto poi
magari lo dimentica.
Capita ogni tanto che ripeta delle canzoncine e ripeta gli stessi versi
ripetutamente a mo’ di gioco.
Poi magari se gli chiedo basta si ferma.
Chiedo a voi se alcuni di questi aspetti debbano essere meritevoli di attenzione o meno.
Grazie mille.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora,
scrive che il suo bambino ha necessità di muoversi, correre, allontantarsi e “quant’altro”. Non so cosa intende con questo quant’altro, in ogni caso se il bambino non corresse, non si allontanasse, non si muovesse allora sì ci sarebbe da preoccuparsi. Francamente non capisco neppure a cosa si riferisce quando dice che questa bambino “si disorienta” comunque sia anche in questo caso non so bene quale sia la sua aspettativa circa l’ “orientamento nello spazio” di un bambino che non ha neppure tre anni. Certo è che in una spiaggia un bambino di meno di tre anni può di sicuro non sapere bene come orientarsi. Non so che dire sul fatto che ripeta le canzoncine e che si fermi quando lei dice basta: l’unica cosa che mi chiedo è perché lei senta il bisogno di dirlo questo “basta”: la infastidisce che il bambino canti? Se è così ci rifletterei sopra. E veniamo alla sabbia in bocca: suo figlio è curioso, esplora il mondo con tutti i sensi, anche col gusto: è un segno di intelligenza che è giusto controllare, ma senza giudicarlo sintomo di un problema. A me dunque sembra che davvero le sue ansie non abbiano alcuna ragione di esistere, almeno basandomi su quanto mi riferisce. Le consiglierei, se non di leggere qualche libro che parla di età evolutiva, almeno di osservare il comportamento degli altri bambini (penso che in spiaggia ce ne siano o al parco) così da avere un termine di paragone e potersi meglio rendere conto che certi modi di fare si riscontrano nella maggior parte dei piccolini Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti