Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

Dottoressa Luisa Vaselli A cura di Dottoressa Luisa Vaselli Pubblicato il 15/08/2022 Aggiornato il 25/08/2022

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.

Una domanda di: Hanna
Salve. Mio figlio di 3 anni sbatte la testa e pizzica le persone che conosce in momento di gioia o anche in momento quando e calmo (non in momenti di rabbia ). La prima testata l’ha data quando ha iniziato a camminare. Adesso in più a tutto ancora non parla (cresce in un ambiente dove si parlano più di due lingue). Grazie.
Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Gentile signora, in primo luogo va detto che i bambini bilingue (e a maggior ragione quelli trilingue) spesso presentano ritardi nel linguaggio. Tuttavia a tre anni, se davvero non dice neppure una parola, deve essere valutato da uno specialista: per questo si confronti con il suo pediatra che saprà indirizzarla in modo opportuno. Tenga presente, comunque, che quello che più conta è che dimostri di capire quello che gli si dice, per esempio obbedendo a piccoli ordini (portami la palla, fermati, siediti a tavola, vieni vicino a me) e che in generale abbia raggiunto una buona capacità di interagire con voi, per esempio mostrandosi interessato ai giochi che fate insieme. In generale, la lettura di fiabe adatte all’età e anche l’ascolto di canzoncine per bambini favoriscono lo sviluppo del linguaggio. Per quanto riguarda le testate e i pizzicotti, rappresentano un modo di esprimersi e di comunicare, visto che la padronanza della parola ancora non la possiede. Sono comunque gesti da inibire e per farlo si deve ricorrere a toni e atteggiamenti di affettuosa fermezza. Quando dà testate o pizzica si può abbracciare dicendo: “No, non si fa. Così fai male alle persone o ti fai male”. Non ci si deve stancare di ripetere l’indicazione: educare un bambino significa anche ribadire più e più volte la stessa regola, senza spazientirsi, con serenità. I bambini hanno bisogno di queste ripetizioni delle regole e non per via di una loro inclinazione alla disobbedienza, quanto piuttosto in quanto ne ricavano rassicurazione e certezze. Stiamo parlando dei famosi “paletti” che vanno messi lungo il cammino della crescita e che, contenendo il bambino, lo fanno sentire amato, protetto, accudito. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti