Bimbo di tre anni che ripete le domande che gli vengono poste

Dottoressa Daniela Biatta A cura di Dottoressa Daniela Biatta Pubblicato il 07/11/2023 Aggiornato il 07/11/2023

Non è detto che la cosiddetta "ecolalia" (ripetizione, con la stessa intonazione di voce, delle frasi o delle parole pronunciate da altri) sia automaticamente il segno di qualcosa che non va, tuttavia non va neppure ignorata, soprattutto se non è l'unico segnale che desta preoccupazione nei genitori.

Una domanda di: Salvo
Sono il papà di un bambino di 3 anni appena compiuti, quando gli si porge una domanda risponde ripetendo la domanda. Esempio: “Vuoi la merendina?”, la su risposta è: “Vuoi la merendina?”. Gli ripropongo: “Sì o no?” e lui risponde: “Sì o no?”, ripete alla lettera ogni domanda o richiesta. Quando non vuole qualcosa risponde così esempio: “Vuoi la pappa?” La sua risposta: “Vuoi la pappa? No” e così via. La cosa sta diventando un po’ pesante non so cosa pensare voi sapreste indicarmi qualcosa? E spero di essere stato chiaro.
Daniela Biatta
Daniela Biatta

Caro papà, il linguaggio di un bambino di tre anni appena compiuti è una scoperta continua non solo di movimento e di velocità degli organi fonoarticolatori (quindi di tutti quegli organi che servono per la pronuncia dei suoni della lingua di appartenenza), ma anche di arricchimento di parole nel suo vocabolario personale, sia in comprensione che in produzione e aggiungiamo anche le difficoltà che il nostro bambino deve affrontare per la costruzione delle frasi. Sarebbe interessante sapere se questa abitudine di ripetere la domanda la mette in atto solo con Lei o anche con altri membri della famiglia. Ecolalia, così è definita la ripetizione di una frase e/o di una parte di essa (anche solo di una parola) con la stessa intonazione con la quale viene pronunciata originariamente e senza un apparente senso. In realtà il senso alla frase il suo bambino lo conferisce quando, per riprendere l’esempio da Lei fornito,” Vuoi la pappa, no”, aggiunge il “no”. Si può ipotizzare che il bambino lo faccia per gioco, per sperimentare situazioni linguistiche via via più complesse, adesso che è nella fase iniziale di sviluppo, ma non di completo padroneggiamento del linguaggio, ed allora in questo caso dovrebbe scomparire da sola. Può anche essere una caratteristica per diversi disturbi neuropsicologici tra cui i “disturbi dello spettro autistico” che presentano all’interno di un quadro più complesso di difficoltà comunicativa verbale e non verbale anche l’ecolalia (immediata e/o differita). In questo caso sappiamo che non è la sola ecolalia a definire il disturbo ma che POTREBBE (potrebbe!) essere presente. Il quadro generale presenta anche una certa compromissione qualitativa dell’interazione sociale, della comunicazione e modalità di comportamento, interessi e attività ristretti, stereotipati e ripetitivi. Non voglio allarmarla, sono madre anch’io quindi immagino la sua espressione leggendo quanto le scrivo, ma è corretto da parte mia darle una panoramica che deve però servirle per approfondire e togliersi qualsiasi dubbio e timore che ha in risposta all’atteggiamento del suo bambino. I nostri figli leggono i nostri occhi e se il suo bambino tutte le volte che risponde ripetendo, vede nei suoi occhi la sua perplessità, riceve un messaggio poco piacevole e questo non è giusto. Quindi deve innanzitutto osservarlo, e individuare bene con chi usa questa modalità di comportamento verbale e se solo alcune volte o in tutte le circostanze. Questo servirà a Lei sia per avere un quadro più preciso della situazione sia per poter descrivere con precisione il comportamento del bambino al suo pediatra ed eventualmente al neuropsichiatra infantile. Un abbraccio.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti