Bimbo di tre mesi con scarse competenze sociali

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 21/03/2023 Aggiornato il 21/03/2023

Tre mesi di vita sono davvero pochi per poter ipotizzare che la scarsa interazione del bambino con il mondo esterno sia espressione di un problema. In genere, tutto dipende invece dalle troppe aspettative nutrite nei suoi confronti.

Una domanda di: Giulia
Vi scrivo perché ho un bambino, Giorgio, di 3mesi e mezzo. Va tutto abbastanza bene, cresce con allattamento esclusivo al seno e ha un ritmo sonno veglia soddisfacente, dormendo qualche ora in più di notte. Purtroppo si è ammalato spesso a causa della sorella di due anni che frequenta l’asilo nido, e gli ha già procurato 2 bronchioliti, svariati raffreddori e una leggera sindrome gastrointestinale. Ma il motivo per cui le scrivo riguarda lo sviluppo relazionale. Giorgio ad oggi fatica ad agganciare lo sguardo, non sembra avere una predisposizione naturale per guardare i visi delle persone. Solo quando è sdraiato sul fasciatoio riesce a relazionarsi, guarda me o il papà o i nonni in viso e tenta anche qualche “parolina”. Ma quando è in braccio posto “fronte mondo” o messo semiseduto sulla sdraietta non si sofferma MAI sulla persona. Ma se ha davanti a sé un oggetto/gioco che lo attira, dimostra di vederlo e di essere molto interessato. Con i visi non lo fa. Per esempio, quando la sorella di avvicina, lui non è interessato, non la guarda, sembra che sia trasparente. Inoltre, quando lo si chiama dimostra di sentire perché apre maggiormente gli occhi ma non si gira verso il lato giusto. Non prova proprio a girarsi con la testa. Io vorrei capire se devo dargli tempo di crescere ancora un po’ (dato che comunque rispetto all’inizio un pochino è migliorato: intorno ai 2 mesi compiuti era ancora assente anche sul fasciatoio) e che magari sto inconsciamente confrontando con la sorella che probabilmente era precoce. Oppure se è il caso di confrontarmi con qualche esperto: in primis lapediatra sì, ma poi? Da quale specialista posso partire? Grazie di avermi letto e se mi risponderà.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora, sinceramente non comprendo il suo dubbio che credo nasca da un’aspettativa poco realistica rispetto al comportamento di un bambino così piccolo. Suo figlio ha solo tre mesi, non ho idea del perché si attenda un maggiore sviluppo relazionale né a cosa esattamente stia pensando. A un disturbo dello spettro autistico , forse? Se è così, sappia che i primi segnali del problema tendono a evidenziarsi non prima dei sei-otto mesi di vita, tuttavia in quest’epoca della vita ci vuole comunque estrema cautela prima di sbilanciarsi in una simile diagnosi che, sottolineo, deve necessariamente essere formulata da un neuropsichiatra infantile. Comunque sia, i segni che potrebbero far pensare al problema (ma non certo a tre mesi di vita) riguardano in particolare l’assenza di qualunque reazione alla vista della mamma, la mancanza di interazione (per esempio, il bambino non tende le braccia per essere preso), l’irritabilità marcata e un modo di piangere strano, di non facile interpretazione. Tenga presente comunque che di norma bisogna attendere almeno i 12 mesi (ma a volte anche di più) per stabilire che c’è qualcosa che non va. Detto tutto questo, poiché per mia formazione do sempre importanza alle sensazioni delle mamme, nonostante credo non vi sia ragione di preoccuparsi, le consiglio di confrontarsi con il suo pediatra durante i controlli per il bilancio di salute, affinché lui esprima il suo parere. Mi tenga aggiornata, se lo desidera.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti