Bimbo incontrollabile da quando è nato il fratellino: che fare?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 18/11/2023 Aggiornato il 18/11/2023

La gelosia per il bambino nuovo ma messa in conto e non deve destare preoccupazione. A patto però di aiutare il primogenito a superarla ricorrendo a tre strumenti di estrema efficacia: comprensione, ascolto, attenzione.

Una domanda di: Elena
Salve, ho un bambino di 6 anni iperattivo, da quando ho partorito un altro bambino non riesco pui a controllarlo. Risponde male, mi urla, non ascolta, ieri sera ha fatto un disegno che mi preoccupa: mamma, fratellino, papà, un cuore spezzato e lui dall’altra parte del cuore. Gli ho chiesto come mai lui non è accanto a noi, e lui mi ha risposto che non si sente amato.
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,
le dico che francamente mi riesce difficile credere che un bambino di sei anni arrivi a dire “Non mi sento amato”. Forse siete voi che gli avete suggerito questa frase, non ci sarebbe nulla di strano, molto spesso i genitori attribuiscono ai figli il loro pensiero e poi cercano di farlo diventare il loro, anche suggerendo parole che lo esprimono. È molto più probabile che quando arriva il fratellino, il figlio maggiore faccia capire di sentirsi escluso, sia geloso delle attenzioni che giocoforza vengono rivolte al bebè dicendo frasi come “sei cattiva, non ti voglio più bene” associate a comportamenti di difficile gestione, come del resto sono quelli di suo figlio. Al riguardo mi chiedo se lei ha usato il termine “iperattivo” perché realmente il pediatra sospetta che il bambino sia interessato dalla sindrome da deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD) oppure solo per descrivere una sua eccessiva ma non patologia vivacità. Comunque sia, non meraviglia affatto quello che sta accadendo. L’atteggiamento di questo bambino si riscontra con relativa frequenza quando in casa arriva un neonato a turbare l’equilibrio esistente. Fino a quando un nuovo equilibrio, che include anche il fratellino, non si instaura bisogna vedersela con le intemperanze del primogenito. Anziché preoccuparsi per quello che ha disegnato (complimenti, perché a sei anni non è da tutti saper già esprimere così bene attraverso un disegno il proprio sentire, parlo del cuore spezzato, senza dubbio segno che questo bambino è molto avanti per la sua età), direi di usarlo come monito per dedicargli più tempo e attenzione, per farlo sentire importante per voi e non certo escluso dal “triangolo padre, madre, fratellino”. Il mio consiglio è di regalargli qualche ora da figlio unico, per esempio uscendo solo con lui per fare la spesa, leggendogli ogni giorno una storia, giocando con lui e solo con lui quando è nella vasca da bagno. Piccole cose che possono fare molto. Inoltre valorizzatelo, facendovi aiutare nella gestione del fratellino, per esempio dandogli l’incarico di porgervi il pannolino pulito al momento del cambio, oppure facendogli azionare il carillon quando il piccolo viene posto nella culla. Per quanto riguarda il controllo delle intemperanze, quando urla, strepita, fa i capricci, si dimostra aggressivo provi ad accucciarsi alla sua altezza e ad abbracciarlo dicendo: “Vedo che sei arrabbiato. Vuoi spiegarmi bene perché? Cosa posso fare per farti scacciare via questa nuvolona nera che ti vedo negli occhi?”. Pazienza, ascolto, comprensione, accoglienza sono gli ingredienti che aiutano il bambino a superare la gelosia nei confronti del fratellino e poi a farglielo accettare come un dono, come una fortuna, come un qualcosa di cui essere grato a mamma e papà. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti