Bisoprololo e gravidanza

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 04/05/2021 Aggiornato il 04/05/2021

Gli studi effettuati non hanno documentato un aumento del rischio di malformazioni del feto, in caso di assunzione di bisoprololo in gravidanza.

Una domanda di: Cristina
Salve dottore,
ho 31 anni e dall’anno scorso assumo 1 compressa di bisoprololo da 1,25 per
insufficienza mitralica lieve/moderata. Vorrei pianificare una gravidanza,
ma ho paura che questo farmaco possa causare grossi problemi qualora
rimanessi incinta.
Esiste un particolare betabloccante da poter utilizzare in gravidanza?
Grazie.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Cristina,
i dati disponibili sull’uso di bisoprololo in gravidanza non hanno documentato un aumento del rischio di malformazioni oltre il livello di base a cui è esposta la popolazione generale.
Molti farmaci beta-bloccanti sono associati a un aumento del rischio di ritardo nella crescita intrauterina del feto, ma non è del tutto chiaro qual è il contributo dei farmaci e quello delle malattie per cui sono prescritti (per esempio ipertensione).
Il beta-bloccante per cui è maggiormente documentata la sicurezza in gravidanza è il labetalolo, che è però impiegato prevalentemente come antipertensivo. In ogni caso, la terapia farmacologica deve essere valutata dal medico curante e dal ginecologo/dalla ginecologa. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti