Bisoprololo in allattamento: è pericoloso?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 21/04/2021 Aggiornato il 21/04/2021

L'allattamento si può proseguire anche durante l'assunzione di un beta-bloccante, se il dosaggio è contenuto e il bambino è già grandicello quindi le poppate giornaliere sono poco numerose.

Una domanda di: Giovanna
Gentile Dottore,
sono una mamma di un bimbo di 12 mesi, che allatto al mattino e durante la
notte.
A causa della tachicardia, il cardiologo mi ha consigliato di assumere bisoprololo 125 mg, una compressa al dí, magari alla mattina dopo aver
allattato, cosicché la notte non dovrebbe ‘arrivare nulla’ al bambino.
In realtà, per una totale sicurezza, mi è stato consigliato di sospendere
l’allattamento (ma io vorrei continuare ad allattare).
La ringrazio in anticipo.
Cordialmente.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Giovanna,
i dati sull’uso del bisoprololo in allattamento sono scarsi e non consentono una valutazione della sicurezza. Comunque, nel caso di una mamma che assumeva questo farmaco alla dose giornaliera di 5 mg la quantità presente nel latte materno era estremamente bassa e non dosabile.
Considerando l’età del bambino e il numero di poppate giornaliere, la dose eventualmente assunta attraverso il latte materno è verosimilmente trascurabile e non ci sono motivi per interrompere l’allattamento al seno.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti