Briglia amniotica visualizzata dall’ecografia

Dottoressa Arianna Prada A cura di Dottoressa Arianna Prada Pubblicato il 10/10/2022 Aggiornato il 10/10/2022

Il riscontro di una briglia amniotica durante l'ecogrfia è frequente ed è raro che sia espressione di un problema.

Una domanda di: Giorgia
Buongiorno, ho effettuato la translucenza nucale e hanno visto in ecografia una briglia amniotica nel polo inferiore, il bambino è appoggiato sopra e il movimento degli arti è visibile. Sono molto preoccupata per ciò che le briglie amniotiche possono causare.
Arianna Prada
Arianna Prada

Buongiorno, non si deve preoccupare. Il riscontro di una briglia amniotica è frequente ed è estremamente raro che questo abbia delle conseguenze o ripercussioni sul nascituro. Il fatto poi che gli arti siano stati visualizzati alla ecografia per la translucenza nucale dovrebbe farla stare tranquilla. Durante questo controllo si possono già vedere chiaramente gli arti superiori, inferiori, mani e piedi. Aspetti i controlli indicati dai colleghi serenamente.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti