Bronchiolite e paura che il bimbo sia stato contagiato

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 15/11/2022 Aggiornato il 15/11/2022

La bronchiolite è una malattia grave specialmente se colpisce i lattanti. Dopo l'anno d'età fa meno paura.

Una domanda di: Gabriella
Il mio nipotino in terapia antibiotico per otite è stato sedato e gli hanno messo dei punti alla lingua x una caduta. In ospedale, aspettando le dimissioni è stato messo in una stanza con bimbi con bronchioliti. Si può fare una prevenzione visto che potrebbe essere stato contagiato ed essendo già debole per la cura contro l’otite?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, non so l’età del nipotino, e quetso è un dato importante per noi pediatri. Posso dirle però che la bronchiolite è più compromettente sotto l’anno di vita. Nel bambino grandicello dà problemi di respirazione ma meno gravi. Dal momento che non si sa se il contagio sia o meno avvenuto, conviene stare in contatto col proprio pediatra nel caso in cui dovessero iniziare sintomi respiratori importanti. Allo stesso tempo è raccomandabile mantenere condizioni protettive ambientali, cioè non mettere il bambino in ambienti affollati. Altri suggerimenti di prevenzione non ce ne sono. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti