Bruciore e dolore in apparenza senza causa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/03/2018 Aggiornato il 01/03/2018

Un significativo fastidio avvertito dal bambino dopo essere andato in bagno va indagato anche attraverso l'esame delle feci.

Una domanda di: Monica M.
La mai bambina di 5 anni lamenta un dolore e bruciore all’ ano subito dopo aver
fatto la pipì/cacca e anche a volte solo appena seduta. Abbiamo pulito bene
la zona e applicato una crema Fitostimoline perché sembrava essere un eczema ma i sintomi sono rimasti. Abbiamo pensato anche agli
ossiuri ma non si vede nulla né sulle mutande né su di lei. Ne tanto meno
ci sono ragadi,anche se avverte un forte dolore quando viene toccata durante la detersione.
Possiamo fare qualcosa? (non è stitica).
Stefano Geraci
Stefano Geraci

Cara mamma,
posto che le consiglio senz’altro di far visitare la bambina dal pediatra in quanto la sola descrizione (anche se minuziosa) non può bastare a formulare una diagnosi, ritengo che sia da effettuare lo scotch test per scoprire gli ossiuri, non sempre visibili a occhio nudo durante il giorno. Il test consiste nell’applicare un pezzetto di nastro adesivo sull’ano della bambina: se ci sono gli ossiuri è probabile che almeno uno rimanga attaccato allo scotch. Lo applichi al mattino al risveglio, prima di lavare la bambina. E’ sufficiente toccare 4-5 volte la zona anale col nastro adesivo. Effettuerei anche un esame delle feci, sempre per escludere una parassitosi. Nel frattempo può controllare i sintomi applicando per qualche giorno sulla parte un velo sottile di crema all’idrocortisone. Anche per questo però si confronti con il suo pediatra. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Parla pochissimo a 26 mesi di età: c’è da preoccuparsi?

12/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A 26 mesi non c'è da allarmarsi se il bambino ha un vocabolario ancora molto modesto: quello che conta, infatti, è che dimostri di comprendere tutto quello che gli viene detto e che, più in generale, non dimostri di avere alcun problema.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Dubbio sui (troppi) valori delle beta

02/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

È veramente inopportuno sottoporsi a continui prelievi di sangue per il dosaggio delle beta-hCG. Meglio attendere il controllo ecografico, per non rischiare di andare incontro a problemi per aver prelevato troppo sangue (oltretutto senza che ce ne sia motivo).  »

Fai la tua domanda agli specialisti