Buchi nelle orecchi: che fare se la bambina non li vuole?

Dottoressa Alessia Bertocchini A cura di Dottoressa Alessia Bertocchini Pubblicato il 22/02/2022 Aggiornato il 22/02/2022

Insistere affinché una bambina di appena quattro anni si sottoponga alla bucatura degli orecchi non è certo opportuno. E questo vale anche se dopo aver bucato un orecchio si rifiuta di farsi bucare l'altro.

Una domanda di: Giovanna
Ho una figlia di quasi 4 anni e voleva farsi i buchi alle orecchie… il problema è che ne ha fatto uno solo e l’altro non vuole più farlo… ma si può fare nel sonno? Ovviamente fatto sempre da chi di competenza…
Dottoressa Alessia Bertocchini
Dottoressa Alessia Bertocchini

Gentile signora, proprio per evitare quello che è accaduto di solito i buchi si fanno contemporaneamente. In realtà subire la bucatura dell’orecchio non è doloroso, ma trasmette solo un lieve fastidio. Certo è che per sopportarlo occorre che vi sia un reale desiderio di avere questi buchi, e mi permetto di dubitare che in una bambina di quattro anni vi fosse (vi sia) una motivazione così forte verso la scelta. Non a caso, infatti, si consiglia di aspettare che una bambina abbia almeno 8-9 anni e che quindi sia per consapevole di quello che chiede (se lo chiede!) e soprattutto non corra rischi con gli orecchini addosso, come quelli a cui espone per esempio l’eventualità (non così remota) di impigliarsi da qualche parte o di sviluppare un’infezione o di inclusione della vitina nel buco, inconveniente non così raro, che impone di intervenire in maniera invasiva per estrarla. Ora la sua bambina non vuole fare il secondo buco e io direi di non insistere assolutamente e men che mai di farglielo “a tradimento” durante il sonno, che comunque verrebbe interrotto dalla manovra. Da medico non posso che invitarla a lasciare perdere: non è assolutamente necessario avere i buchi nelle orecchie, che si effettuano solo per ragioni di tipo estetico (che peraltro non tutti consividono). Imbrogliare la bambina, oltretutto per sottoporla a una pratica che ha poco senso a quattro anni, può esporre al pericolo di perdere la sua fiducia: non ne vale la pena, non trova? Per una cosa del genere aspetti di avere il pieno consenso della bambina, è importante che sappia bene quello che fa. Obbligarla credo sia fortemente sbagliato. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti