Calcolosi alla colecisti e intervento

Dottor Paolo Pantanella A cura di Dottor Paolo Pantanella Pubblicato il 15/01/2019 Aggiornato il 15/01/2019

In generale, non si asporta la colecisti se non si è verificata neppure una colica epatica.

Una domanda di: Federica
A seguito della gravidanza mi hanno riscontrato calcoli alla colecisti, il dolore è presente tutti i giorni, sto bene solo stando in
piedi, neppure seduta trovo beneficio e la notte non riesco a dormire sul fianco destro dal fastidio. Il mio medico dice di non operarmi perché troppo
giovane (42 anni), non vuole prescrivermi gli esami del sangue e dice che finché non ho le coliche non mi devo preoccupare….ma il fastidio è davvero
tanto. Cosa mi consigliate di fare? Non vado incontro davvero ad alcun problema?
Grazie per l’attenzione.
Paolo Pantanella
Paolo Pantanella

Cara signora,
in generale il suo medico ha ragione: non si toglie la colecisti se non si ha avuto prima almeno una colica epatica, che si manifesta in maniera inequivocabile con un dolore sordo e intenso. Le consiglio tuttavia di effettuare un’ecografia in quanto è il referto di questa indagine che può indirizzare sul da farsi e meglio far comprendere la situazione. I fastidì quotidiani che avverte potrebbero comunque non essere legati alla calcolosi della colecisti, ma ad altro. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti