Calo della vista: colpa dello smartphone?

Dottor Antonio Vischi A cura di Dottor Antonio Vischi Pubblicato il 28/02/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Si può quasi escludere che la diminuzione del visus dipenda dai giochini elettronici. A fronte di una simile eventualità si deve pensare che sia subentrato un vizio refrattivo, come per esempio la miopia.

Una domanda di: Alessandra
Mio figlio ha 14 anni ed è un assiduo utilizzatore di smartphone per giochini vari. In seguito a visita medico-sportiva, abbiamo scoperto che che dall’anno scorso a oggi la vista è diminuita da 10/10 entrambi gli occhi, a 5/10 e 7/10.
Ci recheremo naturalmente subito dallo specialista , ma volevo chiedere se c’è la possibilità di un recupero sospendendo totalmente l’uso dello smartphone . Grazie per l’attenzione.
Dottor Antonio Vischi
Dottor Antonio Vischi

Gentile signora, il calo del visus di suo figlio difficilmente è in relazione con l’utilizzo dello smartphone o di qualsiasi altro gioco elettronico.
Nella maggior parte dei casi si può trattare della comparsa di un vizio refrattivo (miopia, astigmatismo, ipermetropia) dovuto all’accrescimento e risolvibile con l’utilizzo di occhiali. L’oculista che lo visiterà potrà essere preciso sulla diagnosi. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti