Calo della vista: colpa dello smartphone?

Dottor Antonio Vischi A cura di Dottor Antonio Vischi Pubblicato il 28/02/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Si può quasi escludere che la diminuzione del visus dipenda dai giochini elettronici. A fronte di una simile eventualità si deve pensare che sia subentrato un vizio refrattivo, come per esempio la miopia.

Una domanda di: Alessandra
Mio figlio ha 14 anni ed è un assiduo utilizzatore di smartphone per giochini vari. In seguito a visita medico-sportiva, abbiamo scoperto che che dall’anno scorso a oggi la vista è diminuita da 10/10 entrambi gli occhi, a 5/10 e 7/10.
Ci recheremo naturalmente subito dallo specialista , ma volevo chiedere se c’è la possibilità di un recupero sospendendo totalmente l’uso dello smartphone . Grazie per l’attenzione.
Dottor Antonio Vischi
Dottor Antonio Vischi

Gentile signora, il calo del visus di suo figlio difficilmente è in relazione con l’utilizzo dello smartphone o di qualsiasi altro gioco elettronico.
Nella maggior parte dei casi si può trattare della comparsa di un vizio refrattivo (miopia, astigmatismo, ipermetropia) dovuto all’accrescimento e risolvibile con l’utilizzo di occhiali. L’oculista che lo visiterà potrà essere preciso sulla diagnosi. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti