Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 16/08/2021 Aggiornato il 27/09/2021

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.

Una domanda di: Daniela
Buongiorno dottoressa, le spiego in breve la mia storia: ho 42 anni e
due bimbe avute senza particolari problemi. Ad ottobre scopro di essere
incinta ma purtroppo alla 10 +2 mi dicono che il bimbo non ha più
battito. Secondo il mio ginecologo non devo eseguire nessuna
indagine. Con tanta speranza ci riprovo a fine febbraio, ma
la gravidanza inizia male e termina alla sesta settimana. A questo
punto eseguo esami per la trombofilia e scopro di avere 4 mutazioni in
eterozigosi. Veniamo ad oggi, sono incinta di 8 settimane, assumo Clexane 4000
e Deltacortene 2.5mg. L’embrione è 1.6 cm, sembra andar bene ma
dall’eco la dottoressa mi ha detto che la camera sembra essere un
po’ piccola. Questo mi ha distrutto. Ho letto tante sue risposte
spero possa aiutare anche me. Che ne pensa? Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, intanto forza e coraggio! La terapia che sta facendo l’aiuterà a contrastare le mutazioni di cui ha scoperto di essere portatrice e l’aver già portato a termine due gravidanze le sarà di aiuto per proseguire anche in questa. Se una delle mutazioni fosse quella della MTHFR (metil-tetra-idrofolato-reduttasi) le sarebbe utile anche assumere Folina 5 milligrammi 1 compressa al giorno lontana da the e latticini…provi a verificarlo con chi la segue!
Rispetto alla sua ecografia, direi che a 8 settimane l’embrione dovrebbe misurare proprio 1.6 cm e questo mi sembra il dato più significativo rispetto a quello della camera gestazionale. La camera “piccola” magari è una sottostima ecografica e sarei fiduciosa sul fatto che la natura fa le cose saggiamente e farà dilatare progressivamente lo spazio che custodisce il suo piccolo tesoro. Mi dispiace che il momento dell’ecografia invece che rincuorarla sia diventato per lei motivo di apprensione! Direi di concentrarsi sul suo piccolo ed essere certa che anche lui sta facendo del suo meglio per crescere.
Mi tenga aggiornata se desidera, l’abbraccio a distanza.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti