Candeggina: può l’odore avere effetti tossici su un bambino?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 24/11/2023 Aggiornato il 24/11/2023

Se la candeggina è stata ben sciacquata, non si deve temere che il suo solo odore possa aprire la strada a rischi seri per il bambino.

Una domanda di: Irene
Ieri sera ho messo la mia bimba di quasi 8 mesi a letto, una volta addormentata, sono andata in bagno a lavare alcune macchie di muffa sul soffitto con candeggina. Una volta terminato ho aperto la finestra del bagno, lavato bene ed abbondantemente con acqua e sapone le mani, chiuso la porta per ridurre il più possibile la dispersione del odore e sono andata a letto. Dopo una o due ore la bimba (che dormiva nel lettone con me) si è svegliata molto agitata e non sono riuscita a calmarla per circa 2 ore poi finalmente si è riaddormentata. Siccome, nonostante i ripetuti lavaggi, la mano usata per pulire (stupidamente senza guanto) ancora ora, dopo circa 8 ore odora di candeggina, e sicuramente, prima di accorgermi che ancora avevo l’odore sulla mano e che potesse darle noia mi sono avvicinata a lei con questa mano anche per metterle il ciuccio o abbracciarla (dopo lavato le mani sembrava non puzzasse più ma poi dopo un po’ l odore riaffiora anche dopo diversi lavaggi) può essere questa la causa della sua agitazione? Oppure può darsi che nonostante la porta chiusa e la finestra aperta sia trapelato troppo odore dal bagno? Mi devo preoccupare? Può aver riportato danni alle vie respiratorie o altro? Cosa devo fare? Spero tanto mi possiate dare una risposta e che sia tutto a posto. Forse sono stata troppo incosciente, ma ero sicura di aver fatto tutto il necessario . Ho lavato bene mani, braccia, viso e indossato un pigiama pulito per essere sicura di non portare questo odore nella stanza…. In attesa della vostra risposta, vi ringrazio per l’aiuto.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Irene,
non sono in grado di dirle se l’agitazione della bambina possa essere associata all’irritazione dovuta all’odore della candeggina.
Non è da escludere del tutto, ma l’ipotesi appare poco probabile.
Invece, è altamente improbabile che possa esserci un rischio di effetti tossici per la bimba, considerando che la candeggina era stata eliminata.
In ogni caso, indipendentemente dalla presenza della bambina, è sempre raccomandabile l’uso dei guanti quando si utilizzano prodotti per la pulizia della casa.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti