Candida e ureaplasma: conviene ripetere il tampone in vista di una gravidanza?

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 15/11/2023 Aggiornato il 15/11/2023

Quando si decide di avviare una gravidanza vale senz'altro la pena di verificare, grazie a un tammpone vaginale, se eventuali infezioni curate in precedenza si sono effettivamente risolte. Il tampone non è controindicato neppure nel caso in cui il concepimento sia già avvenuto.

Una domanda di: Luana
Vorrei un parere. Sono in cerca di una gravidanza e da due anni ho scoperto di avere una bassa riserva ovarica (amh 0,69-fsh14), da tempo soffrivo di pruriti e bruciore intimo soprattutto prima del ciclo e dopo il flusso mestruale passava, dopo un pap test negativo ho fatto il tampone sia vaginale che cervicale da cui in entrambi è emerso candida albicans e ureaplasma che ho curato con 10 giorni di miraclin.
Passate ormai 4 settimane vorrei ripetere il tamponi ma risulterebbe al 6° giorno post ovulazione mese in cui abbiamo continuato la nostra ricerca di un bimbo.
La domanda è: potrebbe essere rischioso per un eventuale impianto? Quale mi consiglia: fare cervicale, vaginale o entrambi di nuovo?
Io non ho avuto più gli stessi disturbi ma solo lievi bruciori.

Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Salve signora,
mi pare di capire che lei sia in dubbio se effettuare i tamponi vaginali e cervicali in questa fase del ciclo in cui potrebbe essere rimasta incinta. In realtà i tamponi (sia cervicali che vaginali) non sono controindicati e vale la pena sapere se il precedente trattamento è stato risolutivo così da tirare un sospiro di sollievo, se l’esito sarà negativo, oppure sapere per tempo se sia indicata una nuova terapia che la renda più pronta al concepimento o ad un’eventuale gravidanza appena iniziata.
Credo sia utile ripeterli entrambi nuovamente, così da avere l’informazione più completa, anche perché ormai lei ricerca da parecchio tempo la gravidanza e ci interessa capire come mai ancora non stia riuscendo ad ottenerla.
Lei riporta prurito e bruciore intimo ricorrente e riferisce la positività per Candida che è un germe molto comune nel nostro intestino, soprattutto se il transito non è troppo regolare e c’è tendenza alla stitichezza.
Se fosse questo il suo caso, le consiglio di aiutarsi con dei fermenti lattici (ad esempio Zirfos, Codex, Dicoflor Elle…ma sono presenti naturalmente anche nello yoghurt o nel kefir) e di arricchire la sua dieta con alimenti integrali (pane, biscotti, pasta, riso, cereali della colazione…) in quanto le fibre in essi contenuti facilitano il transito intestinale. Anche una corretta idratazione può fare la differenza, preferendo acqua o spremute (meglio se fatte in casa: avranno meno zuccheri di quelle industriali).
Le ricordo infine di assumere acido folico, come immagino le avrà già indicato anche il Curante, per tutta la ricerca del concepimento e almeno il primo trimestre di gravidanza. Meglio assumerlo lontano da the e latticini se possibile.
Le faccio i miei auguri perché il suo desiderio di maternità possa presto compiersi, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti