Candidosi che non passa: che fare?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 28/04/2022 Aggiornato il 28/04/2022

Un stile di vita sano, che includa in primis il raggiungimento (e mantenimento) del peso ideale possono essere di grande aiuto per risolvere un'infezione da Candida ribelle ai farmaci.

Una domanda di: Leonida
Salve…ho bisogno di aiuto. Non so più a chi rivolgermi, soffro di candida da dieci anni, non passa, ho fatto tante cure con fluconazol, adesso mi hanno
trovata la candidosi con il Pap test. Ho bisogno di sapere se viene dall’alimentazione: ho bisogno di una cura. Aiutatemi per favore.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
la Candida vive abitualmente nell’organismo umano e riveste anche una sua utilità all’interno del microbiota, cioè dell’insieme di microrganismi buoni che svolgono un ruolo preciso sia nella digestione dei cibi sia come sostegno del sistema immunitario. Esistono però fattori che spezzano l’equilibrio del microbiota, consentendo che uno o più microrganismi si moltiplichino a dismisura prendendo il sopravvento sugli altri fino a scatenare un’infezione. Nel suo caso è la Candida albicans (un micete) ad
aver preso il sopravvento. Le ragioni per le quali questo sia accaduto a lei non posso saperle visto che non mi dà alcuna informazione che possa fare almeno un po’ di luce: non so quanti anni ha, se è in sovrappeso o no, se i valori della sua glicemia sono normali o no, se fuma, se svolge attività fisica, se segue un’alimentazione
sbilanciata per quanto riguarda gli zuccheri. Non mi ha detto se conduce una vita stressante (psicologicamente o fisicamente) né se assume alcolici né se
ha effettuato cure prolungate con antibiotici né se utilizza il contraccettivo orale. In mancanza di notizie indispensabili, posso solo dirle a titolo generale e indicativo che la candida si combatte anche con uno stile di vita sano e, se si è in sovrappeso, dimagrendo fino a raggiungere il peso ideale. Quindi grande attenzione va posta alla dieta, occorre fare regolarmente attività fisica, si deve smettere di fumare, di bere alcolici e bevande zuccherate. Può dare una mano l’assunzione di fermenti lattici, di cui sono
ricchi gli yogurt (da preferire quelli naturali, non zuccherati). L’igiene intima deve essere puntuale e accurata e va effettuata utilizzando detergenti specifici.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti