Cardioaspirina in gravidanza: assumerla o no?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 21/08/2021 Aggiornato il 21/08/2021

Se il ginecologo curante prescrive la cardioaspirina significa che ve ne è un motivo preciso, che però dovrebbe spiegare.

Una domanda di: Daniela
Buongiorno dottoressa, sono alla quinta settimana di gravidanza e il mio
ginecologo mi ha prescritto la cardioaspirina per il semplice motivo che
il mio primo figlio è nato 2700 kg. Sinceramente io non l’ho presa, volevo
un suo consiglio. Grazie mille.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, mi è difficile darle un consiglio perché manco di troppi elementi anamnestici (età, eventuali aborti spontanei pregressi, storia di fumo, suo rapporto peso/altezza…solo per fare degli esempi).
Il dato più rilevante, però, sarebbe l’epoca gestazionale in cui è nato il suo primo figlio.
Infatti se un bimbo nasce a termine di gravidanza (40 settimane) con un peso di 2700 grammi risulta circa al quinto percentile della popolazione (come si nota dalla tabella a questo link:
https://static.bimbisaniebelli.it/wp-content/uploads/2015/01/peso-maschio-0-6-mesi.pdf
Invece se stiamo parlando di un neonato prematuro alla 36° settimana, con lo stesso peso sarebbe al 50° centile ossia perfettamente nella media della popolazione.
La cardioaspirina è un farmaco che aiuta per così dire a fluidificare il sangue, così da ottimizzare gli scambi di nutrienti a livello placentare. Essendo a basso dosaggio non comporta gli effetti collaterali sul nascituro dell’aspirina e viene usata da diverso tempo in ostetricia, a volte col rischio di abbondare per eccesso nel suo impiego. Si è dimostrata utile nel prevenire l’insorgenza della preeclampsia in donne gravide che ne avevano già sofferto, purché l’assunzione abbia inizio entro la 16° o meglio ancora la 12° settimana di gravidanza.
Quindi ci aspettiamo che possa facilitare anche il corretto formarsi della placenta e, di conseguenza, l’adeguato sviluppo fetale in termini di peso corporeo.
Credo sia importante ridiscutere con il suo curante questa prescrizione, così da valutare con più calma e insieme l’indicazione a questa terapia nel suo caso specifico…è giusto da parte sua avere tutte le ragioni per affrontare una terapia farmacologica ed è bene che il medico sia informato della sua scelta di sottoporsi o meno ad un trattamento: ne va della relazione medico-paziente che si auspica sia poggiata sulla reciproca fiducia.
Spero di averle risposto e di averla aiutata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di due anni con i capelli molto radi

24/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Nella maggior parte die casi, i capelli dei piccolini diventano più folti con il passare deigli anni, tuttavia se appaiono realmente troppo deboli e mancano in alcuen zone della testa è bene sentire il parere di un dermatologo (in presenza).   »

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti