Carie e ricerca della gravidanza

Prof.ssa Laura Strohmenger A cura di Prof.ssa Laura Strohmenger Pubblicato il 04/05/2022 Aggiornato il 04/05/2022

Le cure dentarie non sono controindicate n gravidanza, salvo casi particolarissimi e rari. A maggior ragione, conviene quindi affidarsi al dentista prima che inizi.

Una domanda di: Sara
Io e mio marito stiamo cercando una gravidanza, ma al controllo il dentista mi ha detto che devo togliere un dente del giudizio perché cariato. Meglio sospendere la ricerca della gravidanza? Dovessi esserlo già ci sono problemi per il bambino se ho una carie?
Laura Strohmenger
Laura Strohmenger

Cara, la gravidanza non è una controindicazione alle cure odontoiatriche se non in pochi casi. Durante il primo trimestre è prudente non fare interventi chirurgici importanti e se necessario è bene che le indagini radiografiche vengano fatte con le protezioni adeguate. Quindi nel suo caso bisogna valutare la presenza della sua lesione e programmare la cura restaurativa il prima possibile per non farla estendere. Utile è anche fare una verifica delle sue condizioni di igiene orale, magari sottoponendosi ad una seduta di prevenzione. La gravidanza infatti aumenta il rischio di gengivite se la nostra igiene orale non è adeguata. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti