Cartone della pizza ingerito accidentalmente

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 04/05/2021 Aggiornato il 04/05/2021

L'ingestione accidentale di un frammento di cartone alimentare non espone a rischi.

Una domanda di: Viviana
Sono alla 33esima settimana di gravidanza e l’altra sera ho mangiato una pizza margherita da asporto direttamente dal cartone.
Ultimamente in gravidanza evito di mangiare cibi con le mani per via della toxoplasmosi o altre patologie etc., quindi ho tagliato la pizza direttamente nel cartone e fatto piccoli bocconi. Purtroppo con il pomodoro che colava il cartone si è inumidito, e continuando a tagliare la pizza mi sono accorta alla fine che mancavano alcuni pezzi di i cui uno lo ho sentito incastrarsi tra i denti. Qualora io lo avessi ingerito c è qualche rischio? Preciso che sono cartoni certificati in quanto sul retro c’era il simbolo di forchetta e vetro e conformità europea. Tutta via sono sicuri oltre che dal punto di vista chimico anche sul piano microbiologico? Ossia non sono potenziale veicolo di batteri/protozoi pericolosi in gravidanza? Grazie infinite a chi mi risponderà.
Gianni Bona
Gianni Bona

Cara signora,
può stare assolutamente tranquilla. Anche qualora avesse ingerito un frammento di cartone non ci sarebbero problemi di sorta sia perché è destinato a scopi alimentari sia in quanto il calore della pizza ha di sicuro eliminato ogni eventuale contaminazione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti