Catarro e mal di gola: che fare?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/10/2017 Aggiornato il 10/10/2017

In prima battuta, raffreddore, tosse e mal di gola si affrontano con i lavaggi nasali, le inalazioni di vapor acqueo e, se c'è febbre, con il paracetamolo.

Una domanda di: Giacomo
Mia figlia ha 8 mesi e a mal di gola e un po di catarro cosa posso fare

Stefano Geraci
Stefano Geraci

Caro papà, in primo luogo mi chiedo chi ha fatto diagnosi di mal di gola: un pediatra ha visto la sua bambina oppure l’avete dedotto voi perché magari piange con voce un po’ roca? Poiché ritengo che si tratti di una forma di “raffreddamento” lieve (in questo periodo, complice gli importanti sbalzi di temperatura tra pieno giorno, mattino presto e sera) molti bambini manifestano gli stessi sintomi di sua figlia. Per il momento, possono bastare i lavaggi nasali, da effettuare con soluzione fisiologica, e può essere una buona idea far stazionare per una decina di minuti la bambina in bagno, dopo aver creato del di vapor acqueo (si ottiene riempiendo la vasca di acqua calda). E’ importante non esporre la bambina a sbalzi di temperatura e non tenerla all’aperto nelle ore più fredde. In caso di febbre si può dare il paracetamolo. Se però la situazione non dovesse migliorare nell’arco di 48 ore o se la bambina peggiorasse sensibilmente nelle prossimi 12-14 ore è opportuno farla vedere dal pediatra di famiglia. Con cordialità

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti