C’è un calmante compatibile con l’allattamento che possa alleviare un grosso dispiacere?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 12/04/2024 Aggiornato il 12/04/2024

A fronte di una circostanza oggettivamente dolorosa è normale provare dispiacere: purtroppo i sentimenti negativi fanno parte della vita e nessuna medicina può impedire di provarli.

Una domanda di: Meggy
Salve, sono una ragazza di 29 mamma di una bambina di 3 anni e di un’altra di 8 mesi che ancora allatto, a seguito di accertamenti fatti da mio padre di 65 anni che si è ritrovato con una massa nel colon e un’altra di 5 cm nel polmone con alcuni noduli di 1 e 2 cm (deve ancora fare visita oncologica) abbiamo visto solo i risultati della TC, sono molto preoccupata in quanto a parte sintomi tipo dolori alla pancia non aveva nulla che potesse ricondurre ai polmoni e mio nonno che però era un accanito fumatore è morto proprio di cancro ai polmoni a 77 anni… sto vivendo in uno stato di ansia la sera dormo poco e sono angosciata e nervosa… questo non è il massimo e vorrei non far pesare questa situazione alle mie bimbe per cui esiste qualcosa che può aiutarmi e che può essere compatibile con l’allattamento? Magari qualcosa che può aiutare anche la mia mamma di 69 anni in questo momento difficile che già soffre di depressione ma malgrado questo cerca sempre di essere forte e attiva…
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara Meggy, premetto che mi dispiace davvero per suo padre e per il brutto momento che sta passando la sua famiglia. Detto questo, vorrei ricordare che la vita è fatta anche di momenti poco felici e che non esiste medicina al mondo che possa alleviare l’ansia, la paura e il dispiacere che si provano quando una persona cara si ammala. Dobbiamo cioè anche imparare che a fronte di una circostanza oggettivamente critica è normale trovarsi alle prese con sentimenti negativi, bisogna accettarlo e cercare di dominarli, concentrandosi su pensieri positivi. Le cure ci sono, dal tumore spesso si guarisce, ma le malattie sono eventualità con cui in quanto essere umani dobbiamo fare i conti. Quello che sto cercando di dirle è che per non provare il dolore che sente adesso, che è normale che lei avverta, dovrebbe assumere qualcosa che la stordisca al punto da cancellare l’affetto che nutre per suo padre, che la renda indifferente verso quanto gli sta accadendo. Posso comunque suggerirle di assumere valeriana o melissa che sono prodotti fitoterapici che male non fanno in allattamento, tanto più che la sua bambina di sicuro ormai è svezzata quindi le poppate del suo latte immagino siano in numero ridotto. Per quanto riguarda sua madre, se ha una diagnosi di depressione di certo le è stata fatta da uno psichiatra. Dovrebbe senza dubbio essere lui a prescriverle eventualmente la terapia adatta al caso, non è davvero possibile consigliare psicofarmaci a distanza, senza avere alcuna informazione sulla forma di disturbo dell’umore di cui soffre la persona. Tanto più che gli psicofarmaci si possono acquistare solo con ricetta. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti