Cerchiaggio: lo dovrei fare o no?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 11/10/2023 Aggiornato il 11/10/2023

Il cerchiaggio viene effettuato secondo precise indicazioni relative alle caratteristiche del collo dell'utero, in ogni caso generalmente per capire se è opportuno si dovrebbe attendere la 12^ settimana di gravidanza.

Una domanda di: Luana
Il mio ultimo parto è stato molto complicato e da lì è stato danneggiato il collo dell’utero e i medici mi avevano detto che da lì non avrei potuto avere più figli. Io realmente non avevo più pensato ad avere altri figli perché avevo già tre bambini ma dopo 8 anni sono rimasta incita del mio quarto bambino, sono arrivata alla 14 esima settimana di gravidanza e ho avuto un aborto spontaneo, prima di perdere il bambino già dalla prima visita ho spiegato il mio problema alla ginecologa ma lei mi diceva che non vedeva malformazioni e che era tutto a posto poi capitavano spesso perdite di sangue e andavo spesso a fare i controlli ma dicevano sempre le stesse cose che non vedevano niente che non andava ma poi arrivata alla 14 settimana la sera alle 21:00 sono andata in ospedale perché avevo perdite di sangue, il bambino muoveva ancora le sue manine, e loro continuavano a dirmi le stesse cose (signora non capiamo da dove arriva il sangue il bambino sta bene) mi hanno mandato a casa e la stessa sera alle 4 di notte ho perso il mio bambino a casa. Sono stata malissimo non c’è stato nessuno che mi ha saputo aiutare a salvare il mio piccolo. Ora a distanza di 4 anni sono incinta ed è iniziata alla stessa maniera con le perdite di sangue e la mia dottoressa continua a dirmi le stesse cose. Ho contatto un ostetrica in Sicilia e lei mi ha aiutata dicendo di prendere il progesterone mattina e sera e già due settimane che non ho più perdite di sangue, poi mi ha consigliato che per mandare avanti la gravidanza dovrei mettere il cerchiaggio ma la mia dottoressa qui mi dice che ancora è presto per capirlo. Ora ho letto nel vostro sito che quando si ha il collo dell’utero accorciato si è a rischio di aborto al secondo trimestre di gravidanza. Ora per favore chiedo l’aiuto di qualcuno che mi possa aiutare cosa mi consiglia di fare, non voglio perdere anche questo bambino.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, il suo problema mi pare un po’ complesso e con le informazioni che ci dà non è facile risponderle. Prima cosa: qual é il problema del collo dell’utero? Ovvero, un cerchiaggio sarebbe utile oppure no? Il cerchiaggio potrebbe essere utile nel caso il collo dell’utero fosse “corto” per qualche motivo. Ma dovrebbe essere fatto non prima di 12 settimane, quindi la sua ginecologa ha ragione a dirle che “è presto”. E ancora, non ci dice la sua età e questo è un dato importantissimo per capire la causa di un aborto. Senza queste informazioni, magari corredate da una lettera di dimissione del parto precedente, non so come aiutarla.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti