Cerchiaggio: potrebbe avere ceduto?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 04/03/2024 Aggiornato il 04/03/2024

Se il cerchiaggio cede compaiono di conseguenza perdite vaginali, la cui assenza autorizza a pensare che tutto stia andando per il meglio.

Una domanda di: Elsa
Buongiorno Dottoressa,
le scrivo in quanto ho bisogno di un vostro parere. A inizio gennaio mi è stato fatto il cerchiaggio per l’utero accorciato di 2.2. Ora sono a 23 settimane + 6 giorni e mi hanno ricoverato perché durante una visita di controllo si sono accorti di un funneling di 1 cm e dicono che il cerchiaggio ha ceduto un po’ con la crescita del bimbo. Non ho né dolori né perdite per fortuna. Per prevenzione mi hanno fatto il cortisone per i polmoni del bimbo. Oltre alla terapia (progesterone e magnesio) stare sdraiata può aiutare? Secondo lei riuscirò a portare avanti la gravidanza per salvare il bimbo? Sono preoccupata. La ringrazio.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, anche se la sua situazione è certamente molto delicata, mi sento di rassicurarla sul fatto che il cerchiaggio non abbia ceduto a dispetto della presenza del funneling. Se infatti il cerchiaggio avesse ceduto, lei avrebbe notato certamente anche delle perdite vaginali.
Poi rispetto alla stazione eretta piuttosto che sdraiata, le confermo che stando sdraiata certamente ci aspettiamo che il funneling non peggiori e nella migliore delle ipotesi, che il collo uterino possa rimanere chiuso fino ad un’epoca gestazionale migliore rispetto all’attuale di estrema prematurità.
Immagino le abbiamo consigliato il riposo domiciliare dopo il posizionamento del cerchiaggio, giusto? Non dico di stare allettata da qui al parto ma se possibile di alternare divano-letto-poltrona e in generale evitare la stazione eretta e gli sforzi fisici (sollevare pesi, fare le scale, camminare con passo sostenuto…).
La terapia con magnesio e progesterone le sarà sicuramente utile per evitare contrazioni uterine premature.
Mi chiedo se durante l’ultimo ricovero le abbiano effettuato i tamponi vaginali e cervicali: a volte è per colpa di un’infezione che l’utero si contrae prematuramente e il collo si accorcia di conseguenza.
Per prevenire le infezioni, a giudizio del Curante potrebbe essere saggio assumere anche dei fermenti lattici per bocca (ad esempio I-Natal oppure Dicoflor Elle).
Spero di averla rassicurata: cuor contento il Ciel lo aiuta!
Oggi sappiamo che questo detto è vero anche dal punto di vista scientifico: lo stress è infatti capace di interferire con le nostre difese immunitarie quindi se lei è serena sta già tenendo alla larga anche le infezioni…
L’abbraccio a distanza e sono a disposizione se vuole tenermi aggiornata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti