Chi è il padre della mia bambina?

Dottoressa Cristiana De Petris A cura di Dottoressa Cristiana De Petris Pubblicato il 07/06/2021 Aggiornato il 07/06/2021

Per sapere con sicurezza chi è il padre del bambino, nel caso in cui vi sia un dubbio al riguardo, occorre effettuare lo specifico test.

Una domanda di: Lucia
Salve sono una ragazza di 31 anni volevo porre una domanda. Ho un dubbio
sulla paternità spero possiate aiutarmi. Volevo sapere il concepimento quando è avvenuto. Le
mie ultime mestruazione sono state il 5 giugno 2018, il 16
giugno 2018 io e il mio compagno abbiamo avuto il rapporto. La bimba è nata
il 2 marzo 2019. Tra il 20 maggio e il 30 maggio
2018 non ricordo il gionro esatto ho avuto un rapporto con un altro uomo ma
poi sono sicura che il 5 giugno erano mestruazione posso stare serena che il
concepimento e stato con il mio attuale compagno il 16 giugno? Cordiali
saluti.

Cristiana De Petris
Cristiana De Petris

Gentile signora,
per accertare la paternità purtroppo l’unica cosa sicura è l’esame specifico di paternità. Questo perché l’ovulazione può verificarsi in momenti diversi da quelli previsti/presunti. In linea di massima si può ipotizzare che i rapporti che hanno determinato il concepimento siano stati quelli sucessivi al 5 giugno, ma la certezza non gliela posso dare. L’esame di paternità,che è l’unico mezzo per sapere senza ombra di dubbio chi è il padre della sua bambina, si esegue tramite prelievo ematico o tampone del bimbo e prelievo ematico sul presunto padre. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti