Chi è il papà?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 19/04/2021 Aggiornato il 19/04/2021

La certezza della paternità, in caso di rapporti sessuali nello stesso mese con più partner, si può ottenere solo graze a uno specifico test del DNA.

Una domanda di: Manuela
Ho scoperto di essere incinta il problema è che ho dubbi sul padre, ho avuto un rapporto il 23 di marzo con il mio compagno e il 28 di marzo con il mio amante, di solito ho cicli irregolari dovuti a delle cisti ovariche, l’ultimo ciclo mi é arrivato il 27 di febbraio e quello precedente era il 25 di gennaio, c’è modo di avere certezza su chi sia il padre?
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora in merito alla sua richiesta esiste certamente la possibilità di verificare la paternità attraverso l’esecuzione intorno a 10 settimane di gravidanza di un test sul feto con un prelievo di sangue materno da associare però ad una valutazione del DNA dell’ipotetico padre, cosa che può essere fatta o con un tampone orale oppure con un prelievo sul sangue. “A tavolino” non è invece possibile indicare nulla di preciso, anche perché i due rapporti sessuali sono avvenuti a breve distanza uno dall’altro. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti