Chirofert e felice esito della gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 06/07/2020 Aggiornato il 06/07/2020

Ci sono integratori che contengono varie sostanze in grado di favorire la qualità dell'ovocita, a tutto vantaggio di una buona evoluzione della gravidanza.

Una domanda di: Luisa
Salve dottoressa io il 9 giugno ero incinta di due settimane: era la prima gravidanza. Il 15 giugno si è interrotta, ho avuto un aborto spontaneo. Sto prendendo Chirofert plus volevo sapere: ma se avrò la gravidanza il Chirofert servirà per sostenerla e non perdere di nuovo il bambino? Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno signora, il Chirofert plus è un integratore che contiene D-chiro-inositolo, acido alfa lipoico, folato, cromo, vitamina D3, manganese e melatonina.
Tutte queste sostanze sono implicate nella regolazione della fertilità e dovrebbero non solo facilitare il processo dell’ovulazione ma anche in qualche modo ottimizzare la qualità della cellula uovo. La risposta alla sua domanda è, quindi, sì, il Chirofert dovrebbe aiutare ad ottenere un nuovo concepimento e a favorire il buon esito della futura gravidanza. Mi permetto anche di segnalarle la possibilità di apprendere un metodo naturale di regolazione della fertilità (come il metodo dell’ovulazione Billings oppure i metodi sintotermici del tipo Camen o Roetzer) perché consente di conoscersi meglio come donne e allo stesso tempo consente alla coppia di avere una buona complicità sul versante corporeo…vedrete che ne vale la pena!
Spero di esserle stata di aiuto, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti