5 mesi non vuole latte a colazione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/12/2014 Aggiornato il 11/02/2015

Un bimbo di 5 mesi che ha appena iniziato lo svezzamento rifiuta il latte a colazione... Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: eccia77
Buongiorno, sono la mamma di un bimbo di 5 mesi, da una settimana ho iniziato lo svezzamento, pertanto il piccolo mangia latte a
colazione, pappa composta da minestrina con crema di mais e tapioca a pranzo, latte a
merenda, latte con crema di riso per cena e prima della nanna latte con
biscotti. Da qualche giorno, però, non vuole più il latte a colazione: si sveglia
intorno alle 9 e non c’è verso di dargli il latte, così gli do un vasetto di
frutta. Come mai rifiuta la colazione? L’ultima poppata la fa a
mezzanotte e fino al mattino non mangia nulla. Inoltre, pensa che vada bene il
modo in cui gli sto dando da mangiare? Il bimbo pesa kg 8,500 ed è lungo 71
cm e ha fatto 5 mesi il 7 di dicembre. Grazie mille per la sua attenzione.

Difficile rispondere senza conoscere e visitare il bambino. Escluda infiammazioni alla gola o infezioni vie urinarie, raro se il resto lo mangia normalmente. Non mi parla di dosi. La crescita è ottima (a 5 mesi in media raddoppiano il peso alla nascita). Concordo con latte a colazione, merenda e per il momento cena, inizia brodi vegetali con addensanti senza glutine indicati da lei solo a pranzo. Controlli che l’alvo sia regolare. Quando mangia bene a pranzo, prepari la pappa anche a cena. Prima di dormire potrebbe iniziare a non richiedere più il latte dopo la pappa serale. Anche una digestione lenta e difficoltosa durante la notte nella posizione sdraiata che favorisce un reflusso gastroesofageo potrebbe peggiorare se va a dormire con stomaco pieno oppure una stipsi che può iniziare con lo svezzamento con pappa più spessa e feci più dure. Se continua la problematica e non è solo transitoria di qualche giorno, lo faccia visitare. Saluti

I MESI PER INIZIARE LO SVEZZAMENTO: QUI TUTTE LE INFO!

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti