brioscina [uid:1044]

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/07/2012 Aggiornato il 25/07/2012

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: brioscina
buongiorno dottoressa Bertocchini, da un paio di
giorni, quando pulisco mia figlia di quasi otto
anni dopo che è andata in bagno, trovo la carta igienica sporca di sangue rosso vivo. Non ha particolari
fastidi né bruciori e nemmeno un sanguinamento lungo. Sono un po'
preoccupata, anche se in molti mi dicono che potrebbero essere ragadi. Non
vorrei passare per la madre troppo apprensiva, ma pensavo di farle fare un'analisi
delle feci. Lei che cosa ne pensa? Grazie Valentina

Da quello che scrive potrebbe trattarsi di ragadi anali. Per fare una diagnosi corretta basta visitare la bambina. Spesso le ragadi sono dovute al passaggio transitorio di feci dure. Porti la piccola dal pediatra e così si tranquillizzerà. In caso di ragadi, va curato l'alvo e occorre mantenere le feci morbide. In assenza di ragadi, invece, vada da un chirurgo pediatra per escludere altre cause di rettorragia (peridta di sangue vivo dall'alvo) meno probabili nel bambino: in questo caso a volte sono necessari altri accertamenti come la rettocolonscopia da eseguire in sedazione. 

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti