Circonferenza cranica elevata: che cosa significa?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/03/2016 Aggiornato il 14/03/2016

Un bimbo di 8 mesi ha una grande circonferenza cranica. Che cosa può significare? Risponde la dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: Debra
Buongiorno,

scrivo perché a mio figlio, già al bilancio dei sei mesi, è stata riscontrata un circonferenza cranica elevata. È nato di 36 settimane con CC di 36.4 cm, peso 2390 g e lunghezza 45 cm. A tre mesi: peso 5600 g, CC 41.7 e lunghezza 59 cm. A sei mesi pesava 7400 g e la CC risultava 46 cm, lunghezza invece 65 cm. Dopo queste misure abbiamo effettuato un’eco trans-fontanellare con esito negativo per idrocefalo iperteso e con conclusione di macrocrania isolata, probabilmente familiare visto che il papà del mio bimbo ha 61,5 cm di CC. Al bilancio degli otto mesi però la CC risulta aumentata con valore di 48 cm, mentre peso e altezza seguono il 25° percentile. La pediatra ha detto che probabilmente sarà da eseguire un’altra ecografia visto che la fontanella ancora lo permette. Scrivo a lei per un consulto su tutto questo che ci crea grande angoscia e preoccupazione. Aggiungo che è un bimbo assolutamente normale dal punto di vita dello sviluppo motorio e non ha sintomi particolari.

Consiglio il monitoraggio della crescita della CC e nello stesso tempo valutare le dimensioni della fontanella che vada piano piano a ridursi. Nel dubbio, se la pediatra lo ha consigliato, ripeta una ecografia cerebrale transfontanellare se esiste ancora finestra acustica ecografica (se cresce rapidamente aumentando di percentile), completi eventualmente con un fondo dell’occhio da parte di un oculista pediatrico. Se tutto negativo, sia la clinica sia gli accertamenti eseguiti, potrebbe trattarsi come le hanno già detto di macrosomia familiare. Saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti