Crescita lattante

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/09/2013 Aggiornato il 16/09/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: Emma21613
Buongiorno dottoressa, ho una bimba di due mesi e mezzo. È nata il 21 giugno di 2,33 kg per 47 cm di lunghezza. Venerdì al controllo la bimba pesava 4,55 kg per 54 cm… La mia pediatra dice che cresce troppo poco. Io la allatto a richiesta, ma lei mi richiede il latte ogni 4 ore circa e di notte salta una poppata. Quindi in totale fa 5 poppate al giorno, in cui
prende circa 100/110 gr (doppia pesata). La bimba non piange, dorme e gioca serena. Io però sono un po' preoccupata di questa crescita…. Cosa ne pensa? Come potrei darle più latte? Sottolineo che se la sforzo e la faccio mangiare di più, poi lei rigurgita tutto. Grazie mille

La prima cosa da pensare se le curve di crescita di un bambino allattato al seno non sono soddisfacenti è chiedersi se il latte della mamma sia sufficiente (causa più frequente di ridotta crescita nei primi mesi). Dal peso attuale che mi scrive la bambina dovrebbe mangiare una quantità maggiore di latte al giorno (la crescita comunque è di 2,2 kg in due mesi e mezzo e 7 cm di lunghezza è nei limiti del suo percentile perché nata piccola). Non mangia a sufficienza il latte… perché non c'è o perché lo rifiuta? Se il latte materno è sufficiente, vanno escluse problematiche della piccola come infezioni delle vie urinarie, reflusso gastroesofageo e altro che il suo medico avrà già preso in considerazione. La prima cosa è valutare se il latte della mamma è sufficiente, magari non lo è, ma la piccola si accontenta… Controlli la crescita del peso settimanale e veda se dalla nascita la crescita è stata costante o ha avuto un rallentamento, se sì, quando. Importante è per lei stare rilassata, bere tanto, massaggiare il seno e curarlo. Dovrebbe sentire la montata lattea ogni circa tre ore, perdere il latte durante il sonno notturno e dalla mammella controlaterale quando la piccola è attaccata e dopo un bagno caldo o spremendo il capezzolo… Se il latte c'è, escluse le infezioni delle vie urinarie con un semplice esame delle urine, se la piccola non ha avuto arresti nella crescita valutando la curva dalla nascita che risulta armonica e se è asintomatica, allora stia serena al momento, continui a pesarla una volta alla settimana, esegua controlli medici routinari e seguiamo l'evoluzione. Saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti