Diarrea cronica

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/04/2013 Aggiornato il 03/04/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: ramo
Buonasera dottoressa, ho una bambina di 16 mesi e sono preoccupata perché non so più cosa fare. È da qualche mese che, durante il giorno, ha scariche (più o meno frequenti) di feci verdi, "sfatte" e maleodoranti. Abbiamo fatto l'esame per la celiachia, ma è risultato negativo. In ogni caso, per alcuni mesi il peso della bambina si è arrestato. Allora abbiamo eliminato il latte vaccino e le abbiamo dato latte di soia e formaggi di capra. Sembrava che tutto andasse bene, ma ora ha ripreso con le scariche, come prima. Che cosa dobbiamo pensare?

La diarrea cronica deve essere indagata, sia per quanto riguarda le infezioni intestinali (ci vuole un esame delle feci) e le cause di malassorbimento, tra cui, appunto, la celiachia (occorrono degli esami ematici). Le consiglio di somministrarle dei fermenti lattici e di tenere sotto controllo il suo peso.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti