Dischezia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/04/2013 Aggiornato il 04/04/2013

Risponde: Dottoressa Alessia Bertocchini

Una domanda di: delux
Buonasera, ho una bella bimba di quasi 2 mesi, che allatto al seno. Ha sofferto prima di coliche gassose, che abbiamo risolto con le goccine, mentre ora non riesce a espellere le feci o a fare aria in maniera "tranquilla", soprattutto dopo ogni pappata: si agita, diventa rossa, muove mani e piedi, arriva pure a piangere e addirittura a rigurgitare tutto il latte. Questa situazione si verifica anche di notte, che diventa pesante sia per me sia per lei. Il peso aumenta nonostante ciò, ma non ce la faccio più a vederla soffrire. La ringrazio anticipatamente.

Le coliche gassose del neonato peggiorano nei bambini con dischezia (una forma di stitichezza). Di solito sono transitorie e migliorano spontaneamente con la crescita. Se la bambina mangia e cresce, stia serena ma controlli l'alvo.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti